Creativi Digitali, a Latina nasce Cibus in Fabula

167

Il progetto GET Community, nato dal bando “Creativi Digitali – Sviluppo di idee progetto dedicate al libro ed alla lettura  nell’era dell’innovazione digitale-New Book”, ha come obiettivo quello di creare una piattaforma di storytelling partecipativo per una community di appassionati nell’ambito del turismo gastronomico ed enogastronomico stimolando, da un lato la produzione e la creazione di User Generated Content online e, dall’altro, modalità di fruizione innovative dei contenuti digitali.

 

La piattaforma Cibus in Fabula, nata dal concept GET Community, ha permesso di legare contenuti multimediali di qualità creati dagli utenti e di diversificare e promuovere la lettura e la fruizione dei contenuti digitali, attraverso device e tecnologie ampiamente diffuse sul mercato. Lo sviluppo della piattaforma si è articolato su tre diversi aspetti:

 

  1. Community e storytelling. Costruzione di una piattaforma che permette lo sviluppo di una community di appassionati dell’enogastronomia italiana, basata su relazioni di affinità e interessi, con l’obiettivo di mettere in atto nuove forme di storytelling dei territori in ambito enogastronomico. Grazie alla piattaforma, si possono creare e condividere contenuti multimediali legati al proprio territorio, condividere esperienze su viaggi e mete toccate, raccogliere consigli e informazioni sugli operatori e i partner turistici della piattaforma, raccontare ricette e prodotti locali. In questo modo, i racconti UGC entrano in relazione con i territori narrati, diventando uno strumento di promozione territoriale e del Made in Italy.

 

Gli obiettivi sono:

  • ampliare e innovare l’offerta turistica ed enogastronomica sul web, promuovendo la produzione e la valorizzazione di contenuti multimediali di qualità;
  • stimolare la digitalizzazione del settore enogastronomico con particolare interesse alle produzioni tipiche locali;

 

 

  1. Gamification. La piattaforma contiene un sistema automatico di punti e premi, che incentivano la narrazione delle esperienze degli utenti-blogger e mettono in relazione questi con i partner del progetto. Ogni utente può raccontare un viaggio a tema enogastronomico, parlare di un evento a tema food, inserire una ricetta o indicare una specialità/prodotto del proprio territorio ottenendo dei punti. La fruizione dei contenuti altrui e l’interazione fra utenti è stimolata dal sistema a punteggio, che premia non solo la produzione dei contenuti multimediali, ma anche azioni come i commenti, la condivisione e la diffusione delle storie su network e canali personali.

 

In questo modo, da un lato la piattaforma si arricchisce costantemente di contenuti originali che diventano una sorta di “guida digitale dell’enogastronomia italiana” creata dagli utenti, mentre i partner hanno accesso ad un pubblico di consumatori privilegiati. I premi, infatti, sono messi in palio dai partner del progetto – operatori turistici, ristoranti, enti locali, produttori – che, grazie ai content game, otterranno una doppia visibilità: presso tutti gli utenti della community e presso l’utente che ottiene il premio. A sua volta, l’utente che vince il content game sarà stimolato ad un ulteriore narrazione riguardante l’esperienza messa in atto con la fruizione del premio, incentivando un dialogo e un feedback costante fra community e partner-operatori.

 

Gli obiettivi sono:

  • creare relazioni fra utenti iscritti alla piattaforma e operatori del turismo gastronomico, aziende agricole e di trasformazione di prodotti agricoli ed enogastronomici, strutture ricettive, enti di promozione territoriale;
  • stimolare la produzione condivisa e partecipativa multimediale e crossmediale dei contenuti digitali per la promozione dei territori;
  • sfruttare le caratteristiche educative dell’esperienza viaggio con particolare riferimento all’approccio alla terra, all’agricoltura e al cibo.

 

 

  1. Ebook on demand. Se con il meccanismo del content game si stimola la produzione e la fruizione dei contenuti multimediali creati dagli utenti, nonché la relazione fra community e operatori del settore, l’aspetto della fruizione digitale innovativa si concentra nel sistema automatico di eBook on demand. All’interno della piattaforma, ogni utente ha un profilo in cui sono raccolte informazioni personali, foto profilo e contenuti prodotti e condivisi con la community. All’interno di questa sezione, una funzionalità specifica consente all’utente di selezionare autonomamente i contenuti, sia i propri e che i contenuti prodotto dagli altri utenti della community, per esportarli automaticamente in un eBook (formato epub2 e mobi) in modo da customizzare al 100% l’esperienza di lettura digitale. In questo modo, l’utente può scegliere in maniera del tutto personale un percorso editoriale, creando delle guide UGC da portare con sé.

 

Gli obiettivi sono:

  • ampliare, diversificare e promuovere la lettura e la fruizione dei contenuti digitali attraverso device e tecnologie diffuse sul mercato, sfruttando le possibilità innovative del sistema di eBook on demand;
  • Creare un patrimonio condiviso di esperienze digitali in ambito turistico ed enogastronomico, stimolando la produzione di storie non solo da parte utenti e fruitori, ma anche da parte degli operatori del settore.
  • Sviluppare e consolidare nuove modalità produttive per l’industria editoriale digitale con particolare interesse al settore delle PMI del turismo e dell’enogastronomia.

 

 

Scalabilità del progetto.

Il progetto si è concentrato su tre regioni chiave, rappresentative delle varie macro aree del territorio italiano.  Il processo di produzione dei contenuti da parte della redazione e degli utenti della community, in quetsa prima fase, ha riguardato Sicilia, Lazio e Trentino Alto Adige. Dalle tre regioni di partenza lo stesso modello potrà coinvolgere ulteriori territori su base regionale fino a coprire l’intero territorio nazionale.

Inoltre, l’obiettivo di scalabilità della piattaforma può essere esteso in ambito internazionale, con due direttive principali:

  • piattaforme basate su contenuti di promozione digitale del turismo enogastronomico italiano realizzate in altre lingue (inglese, spagnolo, tedesco, cinese) nell’ottica di attrarre l’utente straniero e fornirgli una guida UCG delle eccellenze italiane;
  • piattaforme basate sullo stesso format progettuale applicato all’interno di nazioni straniere, come strumento di promozione delle specialità locali e delle destinazioni turistiche interne.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti