Fondi, gli ultimi due appuntamenti commemorativi della Grande Guerra

184

Venerdì 30 ottobre, a Fondi, si concluderanno con un duplice appuntamento le celebrazioni per il Centenario della Prima Guerra mondiale, organizzate da Comune, Regione Lazio, Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi, Sistema Bibliotecario Sud Pontino e Associazione Giuseppe De Santis.

Alle ore 10.30 presso l’Auditorium comunale è in programma uno spettacolo che vede per la prima volta collaborare gli Istituti Comprensivi “Amante” ed “Aspri”. I docenti hanno organizzato una manifestazione che vedrà oltre cento alunni frequentanti i due Istituti esibirsi in canti in lingua e dialettali della Grande guerra, degli Inni nazionali e di Fondi, nella lettura della “Ballata della Grande guerra” composta dall’autore per ragazzi Roberto Piumini e nell’esecuzione vocale di uno dei brani più belli della musica contemporanea: “Imagine” di John Lennon.

L’appuntamento con la cittadinanza è alle ore 21.00 nella Sala Grande di Palazzo Caetani con il concerto del coro “Città di Fondi” composto da circa quaranta elementi e diretto dai Maestri Gianni Mastromanno e Maria Civita Marrocco. Il programma spazierà dal repertorio operistico, da Verdi a Bellini, ai canti della Grande guerra. Ogni brano sarà introdotto da un excursus storico a cura del professor Enzo Rosato.

All’iniziativa presenzieranno il sindaco di Fondi Salvatore De Meo, l’assessore alla Cultura e Politiche della Scuola Beniamino Maschietto e il direttore del Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi Crescenzo Fiore.

L’Amministrazione comunale informa inoltre che, in considerazione dell’ottimo riscontro di pubblico, l’apertura del museo itinerante “Mito e realtà della Grande guerra nella memoria del territorio dell’attuale provincia di Latina” a cura di Clemente Ciammaruconi, Pier Luigi De Rossi e Giovanni Pesiri, allestito presso la sala espositiva del Castello Caetani, sarà consentita fino a Domenica 1 Novembre, anziché fino a Venerdì 30 Ottobre come inizialmente previsto.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti

LASCIA UN COMMENTO