Il 14 luglio, la cosa giusta, una visione: nasce Latinacorriere.it

507

Era il 14 luglio di quest’anno. Certe date i giornalisti non le dimenticano, negli archivi della loro memoria ogni giorno è legato a una notizia. E quel giorno, presa della Bastiglia a parte, per noi significava soprattutto l’arrivo in Italia, dopo due anni e mezzo di torture nel carcere della Guinea Equatoriale, dell’imprenditore di Latina Roberto Berardi. Una prigionia lunghissima e tribolata, che avevamo avuto modo di seguire con grande attenzione anche nelle fasi più delicate. Ma che per la sottile ironia della sorte bucammo clamorosamente nel giorno più bello, quello del ritorno a casa: l’ultimo inserimento che riuscimmo a fare fu l’ articolo sul settore giovanile di una squadra di basket. Poi il black out improvviso, la scoperta di un braccio di ferro in corso tra editore e fornitori del Cms, le spiegazioni difficili da dare ai lettori, ai tanti che in poco più di un anno di lavoro avevano reso Corrieredilatina.it una testata autorevole e affidabile, nonostante fosse nata esclusivamente per il web. Di quella testata oggi si sono perse le tracce ma il gruppo di lavoro che l’aveva concepita e poi sviluppata, a quattro mesi di distanza da quel doloroso black out, ha voluto simbolicamente usare la stessa data, lo stesso numero, il 14, per riaccendere l’interruttore. Lo fa con una testata tutta nuova, Latinacorriere.it, che vanta tanti aspetti in comune con il progetto precedente ma che presenta anche tantissimi spunti innovativi. Con una parola d’ordine obbligata, in contesti come questo: sperimentazione.

L’idea di fondo resta quella di coniugare una informazione puntuale, equilibrata, affidabile e completa a una più spiccata propensione all’utilizzo dei social, all’interazione con gli utenti, agli spazi tematici. La squadra si è allargata in modo esponenziale grazie ad una rete di collaboratori eterogenea. Non solo giornalisti in senso stretto ma anche blogger di fama nazionale, esperti di marketing e comunicazione multimediale, professionisti dei settori più disparati.

In ultimo, ma forse più importante di tutte, è nuova la visione. I giornalisti sono gli unici editori di questa iniziativa che si propone di esplorare le potenzialità del web con progetti ancora in cantiere ma che presto vedranno la luce. Vogliamo che Latinacorriere.it sia davvero l’agorà virtuale in cui far ritrovare una comunità intera. Per questo offrirà spazi, punti d’incontro e luoghi di riflessione in un momento delicatissimo della nostra storia. In Furore diceva Steinbeck che “Le leggi cambiano ma le cose giuste restano uguali. Ognuno ha il diritto di fare quello che è giusto”. Ecco, Latinacorriere.it nasce per questo.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti

LASCIA UN COMMENTO