Sezze e Priverno, sono le frazioni a determinare gli esiti elettorali

193

Ceriara a Priverno, Scalo a Sezze; frazioni periferiche o elementi determinanti per i paesi di cui sono frazioni. A guardare l’incidenza in fase elettorale, delle due frazioni di pianura, il loro ruolo non è certo marginale. Ceriara a Priverno nel maggio 2014 e Sezze Scalo nel 2012 e nel 2007, sono risultate decisive per l’incoronazione del sindaco. Nel corso degli anni hanno sviluppato infatti una densità di popolazione e una presenza di servizi che le portano ben più vicine alla realtà di paesi autonomi che non di frazioni di un centro distante a volte non solo come chilometri di strada.
Sezze e lo Scalo vivono da sempre anche una certa antitesi che porta anche a volte anche a sterili diatribe campanilistiche. Lo Scalo, specialmente negli ultimi anni, guarda più verso la 156 e verso Latina che non sulle Coste dove c’è Sezze. Del resto la presenza della stazione ferroviaria, i negozi di vari settori, supermercati, farmacia, asilo, scuole elementari e medie e da qualche tempo anche gli uffici dislocati del comune, ne hanno fatto quasi una realtà autonoma e ci sono famiglie che davvero sono presenti per la quasi totalità in una piana che da anni si è emancipata da un vecchio retaggio che poteva individuare gli abitanti del luogo come manovalanza agricola visto che allo Scalo, oramai da decenni, ci sono fior fiore di professionisti, imprenditori, ed esponenti della vita pubblica di livello assoluto. Anche a livello elettorale lo Scalo agisce secondo una logica propria con esponenti di riferimento che possono attingere ad un bacino di voti assai ampio, in grado di scompaginare gli equilibri politici dell’intero panorama setino.
Molto simile il discorso per quanto riguarda il rapporto tra Priverno paese e la frazione di Ceriara. Una zona dedita una volta alle coltivazioni, ma che negli anni ha visto fiorire imprese e attività commerciali, ha visto aumentare gli insediamenti abitativi sviluppando luoghi di incontro propri e proprie peculiarità La presenza di chiesa, uffici postali, farmacia, campo sportivo e diversi bar (punti aggregativi) ha fatto si che la popolazione abbia elaborato quasi un’identità autonoma rispetto a quella del paese che si riversa in feste di rione e iniziative varie dal seguito assai vasto. Anche il discorso politico di Ceriara segue logiche proprie a volte indipendenti da quelle del palazzo privernate con capacità di influenzare il totale innegabili. Riprova del peso specifico delle frazioni di Sezze e Priverno? Andrea Campoli, sindaco setino, è dello Scalo mentre Angelo Delogu, l’ultimo sindaco privernate, è di Ceriara. Da Ceriara veniva anche il grande serbatoio di preferenze che permisero a Macci, predecessore di Delogu, di esser eletto primo cittadino per ben due volte .

LE VOSTRE OPINIONI

commenti