Ninfa Latina, si torna subito in campo: c’è Ravenna

193

Non concede tregua la SuperLega UnipolSai. Dopo il match di domenica con Milano, infatti, la Ninfa Latina tornerà in campo già domani alle 20.30 a Ravenna. I ritmi incessanti della stagione impongono ai pontini una nuova delicata trasferta per la settima giornata, una gara importante per entrambi i club, impegnati a fare punti per entrare tra le prime otto del girone di andata e disputare la Coppa Italia.

RAVENNA “DEBUTTA” IN CASA

Guardando oggi la classifica si notano già le “big five” che hanno preso un leggero vantaggio sulle inseguitrici, Molfetta a 10, Latina a 8, Monza e Ravenna a 7 inseguono guardandosi le spalle da Piacenza, Padova e Milano. La CMC a dire il vero non rispetta la legge della squadra di casa favorita, visto che ha perso tutti e tre gli incontri casalinghi. In realtà si è sempre giocato a Forlì mentre proprio con Latina scatterà il debutto al Pala De Andrè. Le uniche vittorie ravennati sono arrivate in trasferta. Ha iniziato prendendo un punto con Civitanova, poi è stata sconfitta a Molfetta per andare a vincere a Monza, altre due sconfitte casalinghe con Perugia e Trento per poi superare domenica Piacenza.

UN AVVERSARIO MOLTO CAMBIATO

Ravenna ha cambiato molto rispetto allo scorso anno e si è imbottita di stranieri. Ben sette in rosa di cui solo quattro che il regolamento prevede possano scendere in campo. Sono arrivati gli olandesi Maarten van Garderer e Hidde Boswinkel, il brasiliano Ricardo Perini e il portoricano Maurice Torres “scoperto” da Latina, oltre a Della Lunga e Polo. Confermati i centrali Mengozzi e Ricci, il palleggiatore argentino Zappoli, lo schiacciatore greco Koumentakis e i liberi Bari e Goi. Waldo Kantor è stato confermato in panchina e a Piacenza ha schierato Cavanna al palleggio e Torres opposto, Mengozzi e Polo al centro, Koumentakis e van Garderen di banda con Bari e Goi (difesa) liberi.

IL REBUS DEL SESTETTO PONTINO 

La maratona di domenica con Milano ha dato ancora di più la consapevolezza del carattere di Ninfa Latina che fattasi recupera dal 2-0 è riuscita a vincere al tiebreak 21-19. Camillo Placì in queste prime uscite ha alternato tutti i suoi uomini ed è difficile pronosticare il sestetto che metterà in campo. Contro Milano ha schierato all’avvio Boninfante in regia e Hirsch opposto, Yosifov e Rossi centrali, Sket e Maruotti schiacciatori, Romiti libero, ma ha utilizzato nel corso della gara tutti gli uomini a disposizione. Otto i precedenti in SuperLega tra le due squadre di cui 3 vinti dal Latina e 5 da Ravenna. Il bilancio in Romagna è di 3 vinti dai padroni di casa e uno perso (il 18 novembre 2012: 1-3). Un solo ex in campo Maurice Armando Torres a Latina fino al 5 dicembre 2013.

 

I COMMENTI

Secondo Gianrio Falivene sarà una partita da affrontare con uno spirito diverso da quella contro Milano: “Domenica non mi ha fatto impazzire l’atteggiamento in campo. Ravenna è una squadra della nostra fascia e dobbiamo esprimerci meglio. La cosa positiva è che pur non giocando al meglio, siamo nel gruppo che lotta per la coppa Italia”. Questo invece il parere del coach Camillo Placì: “Ravenna è una squadra che sta giocando bene, con tanti bravi giocatori ad iniziare dal palleggiatore argentino Cavanna, all’opposto Torres che lo scorso anno ha fatto un ottimo campionato, per poi passare ai centrali e alle bande senza dimenticarsi del libero Bari che ha tanta esperienza. In tutti i reparti ha bravi giocatori, con tante armi tecniche, ma noi ci siamo allenati per giocare al meglio anche questa partita”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti