A Latina la prima tappa del circuito regionale di bridge

645


E’ inutile far finta di niente, ma scegliere Latina come prima tappa per far partire il circuito regionale di bridge, è stato un riconoscimento e un apprezzamento per il lavoro impostato in questo primo anno di attività dal circolo Latina Progetto Bridge, che ha sede presso la Fattoria Prato di Coppola.

bridge7

Ogni tanto fa bene svestirsi delle vesti da giornalista e commentare le cose con entusiasmo e partecipazione. D’altronde non potrei fare diversamente,  perché è lo stesso sentimento che martedì pomeriggio ho visto stampato sui volti di 150 persone che hanno preso parte  al torneo, sentimento ovviamente misto ad ansia, bridge5competizione, voglia di vincere e capacità di mettersi in gioco anche con persone sconosciute. Cosa non facile, certo, ma questa è la caratteristica di questo gioco. Inizi in sordina frequentando i corsi e poi improvvisamente vieni proiettato in confronti nazionali e internazionali.   Che quello di ieri fosse un appuntamento bridge4importante lo si era capito dai preparativi. E dalle iscrizioni che sono aumentate di giorno in giorno. E all’ora in cui in genere gli inglesi prendono il thè, i nostri, provenienti da ogni dove, da Latina, Napoli, Roma, Frosinone, Anzio, Nettuno, Terracina, Velletri e Ostia, si sono presentati puntuali “vestiti” di entusiasmo ed eccitazione. Il bridge 1bridge è un’attività sportiva riconosciuta dal Coni e oltre ad essere molto socializzante è un’ottima ginnastica mentale, perché costringe chi gioca a ragionare, a ricordare le mosse e a sviluppare il calcolo numerico. Alla base di tutto c’è tanto ragionamento logico e matematico, una buona dose di sicurezza e una grande intesa con il compagno di squadra. bridge6 (1)Per questa caratteristica, l’attività è possibile a qualsiasi età. Anche ieri si partiva dai 20 anni agli 89, proprio perchè il gioco non conosce né confini né limiti.Ma torniamo alla competizione e alla sua organizzazione. Molti gli sponsor che hanno dato il loro contributo affinchè ci fossero anche dei premi finali.  E sono Flori gioielli (che ha messo in palio un prestigioso primo premio); Prato di Coppola; Latticini Cuomo;Glamour di Serenella Signorelli; Cantina Sant’Andrea; Idea di Pina Sorrentino;Profumeria notte; Tabaccheria Pedà; Agriturismo Valle dell’Usignolo e Sementi Scarparo.
E tanti i premiati. Molti tra gli ospiti. Solo per citarne alcuni, il primo premio è andato a una giovanissima coppia romana, Margherita Chavarria e Alessandro Gandoglia, e per la  prima coppia allievi locali, a Carla Mele e Stefania Sorrentino, e alla seconda coppia allievi, Daniela Avvisati e Fernando Mogno. L’appuntamento ora si sposta in altri circoli regionali.

Mariassunta D’Alessio



 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti