Priverno, i leoni sono tornati a casa. Saranno esposti al Museo Archeologico

314

Oggi sono stati riconsegnati a Priverno due dei tre leoni rubati quasi dieci anni fa dalla scalinata antistante la facciata della chiesa di Santa Maria Assunta e momentaneamente collocati in deposito nel Museo Archeologico. Le due sculture sono state posizionate nell’androne d’ingresso del Museo dove saranno visibili a partire da domani, sabato 12 dicembre, dalle ore 15. Da domani fino al 9 gennaio 2016 l’ingresso al Museo Archeologico sarà gratuito per i residenti nel Comune di Priverno nei giorni di sabato e domenica. Nel pomeriggio è avvenuto il trasferimento da un una magazzino di Roma dove erano da qualche mese sotto la sorveglianza dei Carabinieri della Capitale. Nello specifico sono stati presi in consegna dai militari del Nucleo di Tutela Patrimonio Culturale Reparto Operativo Sezione Antiquariato di Roma. I due leoni, sottratti sulla scalinata del duomo di Santa Maria, accanto al Comune di Priverno, in piazza Giovanni XXIII sono stati rinvenuti in Inghilterra. A svelare il loro posizionamento, cinque anni dopo il furto, era stato il catalogo online della galleria d’arte di Sam Fogg  datato 30 luglio 2010. Individuati grazie ad internet, il catalogo è stato poi oscurato, una volta rimossa la mostra in questione. Su internet però è rimasta la traccia digitale del documento e proprio su quella hanno lavorato i Carabinieri che sono quindi arrivati a rientrare in possesso delle opere.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteServe un altro Latina contro lo Spezia grandi firme
Articolo successivo“Aprilia non ha bisogno di un nuovo piano regolatore”
Luca Morazzano, giornalista pubblicista, nato a Sezze, vive a Maenza. Intraprende la via del giornalismo qualche tempo dopo la Laurea in Filosofia per tirarsi fuori dal dolce-amaro far nulla della disoccupazione dopo gli studi. Comincia dalla cronaca sportiva di incontri di calcio dilettantistico sui campetti di provincia (che ancora non abbandona); tenta la via dell'insegnamento senza successo qundi scommette tutto sull'informazione. Dopo esperienze varie, diventa corrispondente dai Lepini per il Giornale di Latina.