Sezze, arrestato a Latina uno dei tre indiani che il 6 dicembre hanno pestato un 36enne marocchino

233

Ad una settimana di distanza dal misfatto, iniziano a quagliare i risultati delle operazioni dei Carabinieri sul pestaggio da parte di tre indiani ai danni di un marocchino in via Ponte Ferraioli a Sezze. Nella serata di ieri attorno alle 20:30, nei pressi delle autolinee, i Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Latina hanno infatti individuato e identificato Singh D. indiano 20enne, sprovvisto di documenti e in Italia senza fissa dimora. Lo stesso 20enne, nella serata del 6 dicembre, venerdì, insieme ad altri due connazionali attualmente irreperibili, ma su cui i militari dell’Arma sperano di riuscire a stringere la morsa, hanno aggredito violentemente a scopo di rapina El H., marocchino 36enne residente a Sezze. Era stato lo stesso marocchino che, riuscito a guadagnare la fuga nelle campagne circostanti, ha allertato il 112 ed è stato soccorso dai Carabinieri di Sezze. Affidato alle cure dei sanitari dell’ospedale di Latin, è stato tenuto in osservazione per tutta la notte e sottoposto a cure per le ferite riportate: setto nasale rotto e costola incrinata. Lo stesso El H., ha riconosciuto il suo aggressore alle autolinee e ha chiamato i Carabinieri. Una volta in caserma ha riconosciuto immediatamente l’aggressore riferendo che la notte dell’agguato era stato rapinato di 200 euro e che da quel pestaggio aveva riportato 30 giorni di prognosi. L’indiano sottoposto a fermo è stato arrestato presso il carcere di Latina.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Ninfa Volley lancia la sfida alla Sir Safety Perugia
Articolo successivoAprilia, ladri in azione in un appartamento del centro
Luca Morazzano, giornalista pubblicista, nato a Sezze, vive a Maenza. Intraprende la via del giornalismo qualche tempo dopo la Laurea in Filosofia per tirarsi fuori dal dolce-amaro far nulla della disoccupazione dopo gli studi. Comincia dalla cronaca sportiva di incontri di calcio dilettantistico sui campetti di provincia (che ancora non abbandona); tenta la via dell'insegnamento senza successo qundi scommette tutto sull'informazione. Dopo esperienze varie, diventa corrispondente dai Lepini per il Giornale di Latina.