Terracina, occupazione suolo pubblico. Cetrone: stop al caos, brava la commissaria

273
Gina Cetrone

Gina Cetrone, candidato sindaco di Terracina con la civica “Sì cambia”, plaude al commissario straordinario del Comune Erminia Ocello per la delibera con la quale “tenta di riportare ordine e disciplina tra i diversi esercenti le attività economiche che occupano le aree pubbliche”.

Le regole chiare

Per Cetrone sono “chiare le prescrizioni cui gli esercizi commerciali dovranno rispettare per ottenere e mantenere la concessione all’occupazione del suolo pubblico”. “Tra queste – riferisce il candidato sindaco – c’è l’obbligo nei giorni di riposo settimanale di ritirare sedie, tavolini e quanto altro dal suolo occupato e riporle all’interno di aree private. Non sarà più consentito l’accatastamento degli elementi di arredo, mentre nel periodo di ferie il titolare della concessione dovrà farsi carico delle operazioni di pulizia delle  aree di pertinenza e verificare il corretto utilizzo dell’area pubblica da parte degli avventori dell’esercizio. Il titolare dovrà poi essere in regola con il pagamento dei tributi comunali”.

Stop alla babilonia ma…

Il candidato sindaco di “Sì cambia” si chiede se queste nuove indicazioni-prescrizioni del commissario mettono fine alla “babilonia che alcuni gestori  hanno creato negli ultimi quattro anni”.

Il rischio di ricreare il caos

“Noi siamo sicuri – afferma Cetrone – che la dottoressa Ocello, finché governerà l’ente, farà rispettare il regolamento anche a costo di duri provvedimenti sanzionatori. Non vorrei però che questo democratico e necessario sistema di governo del territorio diventi un punto di attrazione per chi in campagna elettorale promette: ‘Non vi preoccupare, votateci e poi ci penseremo noi a normalizzare il tutto’. Noi saremo invece, oggi e domani, ferrei sostenitori di quanto espresso dalla dottoressa Ocello con la delibera. Perderemo dei voti? Saremo antipatici a qualcuno? Ce ne faremo una ragione”.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti