Aprilia preda dei miasmi, l’appello dei Grillini Apriliani

200

Più attenzione all’ambiente e controlli mirati verso le aziende del territorio, per contrastare i terribili miasmi che da tempo attanagliano varie zone della città di Aprilia. Gli esponenti del Meetup dei Grillini Apriliani lancia un appello affinchè l’esecutivo presti maggiore attenzione alle problematiche ambientali, strettamente connesse con la salute della popolazione. Secondo i seguaci di Grillo, un incremento dei controlli presso le aziende del territorio dedite al trattamento dei rifiuti o alla lavorazione di particolari sostanze potrebbe essere una risposta efficace, anche alla luce dei dati emersi con l’avvio dell’indagine epidemiologica, che ha assegnato al comune la maglia nera per l’incidenza di alcuni tipi di tumore. “Sono trascorsi poco più di dieci giorni- spiegano gli attivisti-da quando il Sindaco ha divulgato i risultati dello studio epidemiologico commissionato dall’Amministrazione comunale per valutare l’incidenza tumorale sul territorio di Aprilia. Oltre ad aver sborsato ventimila euro per effettuare tale ricerca, veniamo rallegrati dalla lieta novella che l’incidenza delle varie forme tumorali, sia negli uomini che nelle donne di Aprilia ha subito una escalation preoccupante.

Gli esperti che hanno eseguito gli studi, ammettono che l’incidenza dei tumori dipende sì dalle abitudini alimentari e dallo stile di vita, ma che molto influisce anche la qualità dell’ambiente. E qui veniamo al punto; da più di due mesi, varie zone della città sono attanagliate da miasmi al limite della sopportazione, che non sono visibili ma colpiscono l’olfatto e la respirazione come una frustata, e che neanche la  presenza di una vasta area industriale attigua sarebbe idonea a giustificare la presenza di tali nauseabondi olezzi, quando si chiedono informazioni. Una nostra attivista, parlando con una operatrice dell’Ufficio Ecologia della Polizia Locale, ha ricevuto come risposta che eventuali controlli si possono eseguire solo se la segnalazione indica in modo preciso la provenienza dei miasmi e noi, quindi, ci chiediamo: ma se non sono visibili come si fa a dire da dove provengono?!?! Quando si effettuano i rilievi per l’inquinamento si effettuano “a naso”?? Allora, caro Sindaco, perché non curiamo di più il nostro territorio effettuando controlli “inattesi”  presso gli stabilimenti della zona, non procediamo velocemente alla bonifica delle discariche dismesse e non moltiplichiamo i sistemi di videosorveglianza per identificare e sanzionare severamente chi commette ecoreati? Sicuramente, questa sarebbe la via giusta per vedere, tra qualche anno, le incidenze tumorali ad Aprilia invertire la tendenza e procedere a ritroso verso lo zero!”

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti