Un imperativo per i nerazzurri: vincere al giro di boa!

214

L’ideale sarebbe arrivare al giro di boa a quota 25, l’esatta metà del bottino necessario per centrare la salvezza. L’ideale sarebbe dunque chiudere in bellezza il 2015 battendo al Francioni il Pescara nell’inconsueto anticipo fissato all’ora di pranzo.  Non sarà troppo d’accordo, però, l’undici di Massimo Oddo. Non solo perché arriva da tre vittorie consecutive e perché è in forma smagliante, ma soprattutto perché intende avvicinarsi ulteriormente ai vertici della graduatoria.

LA FORMAZIONE: RIENTRA IL CAPITANO

Olivera e Scaglia hanno scontato il turno di squalifica e prenderanno possesso della mediana, trequarti e difesa resteranno invece invariate rispetto a Vicenza. Con un’unica eccezione, Brosco al posto dello squalificato Esposito. Baldanzeddu ancora out, al pari dei soliti Marchionni, Bandinelli e Di Gennaro.

ABRUZZESI IN EMERGENZA E SENZA…COLONNELLO

L'ex Bruno non ci sarà
L’ex Bruno non ci sarà

Visti i tristi precedenti è stata vietata la trasferta ai tifosi abruzzesi. Oltre a dover fare a meno dei suoi supporters, il Pescara sarà costretto a rinunciare a due preziosi tasselli di centrocampo: il “colonnello” Alessandro Bruno, squalificato e quindi impossibilitato a calcare il prato del “suo” Francioni; il baby ex Genoa Mandragora, infortunatosi nel match con il Modena. Per queste ed altre defezioni (Fiorillo, Valoti e Torreira), il tecnico ex Milan ha convocato ben 4 primavera. In compenso stringeranno i denti i malconci Lapadula e Sansovini.

SPAURACCHIO LAPADULA, SECONDO SOLO A…GONZALO!

Un 2015 da incorniciare per Gianluca Lapadula, prima trascinatore del Teramo in Lega Pro e poi spietato cecchino per il Pescara tra i cadetti. Quest’anno il bomber ha totalizzato ben 24 gol, un bottino inferiore solo a quello raccolto da un certo Higuain! Un bomber da tenere d’occhio, dunque, ma senza dimenticare i guizzi e la fantasia di Caprari e Benali.

CON ABBATTISTA NON SI VINCE

Dirigerà il match il 32enne Eugenio Abbattista di Molfetta. Con lui il Latina non ha mai vinto in 7 precedenti. Sarà coadiuvato da Stefano Bellutti di Trento e Giovanni Baccini di Conegliano, quarto ufficiale Antonio Rapuano di Rimini.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti