Circeo, ladri in casa precedono la Befana: panico in un’abitazione di campagna

505

Brutta sorpresa ieri sera per una famiglia residente in via Monte Tomba a San Felice Circeo, vittima di una banda di ladri che dopo aver messo a soqquadro un intero appartamento è svanita con due anelli preziosi e una fede nuziale, bigiotteria, qualche cosmetico e un pezzo di formaggio. E nel fuggire via qualcuno della gang avrebbe anche dato una testata ad un tubo, perdendo alcuni oggetti di poco conto e un costosissimo profumo. Ladri maldestri, ma anche distratti: nell’abitazione ripulita hanno lasciato arnesi da scasso e una grossa mazza portata lì probabilmente per smurare la cassaforte. Intento, quest’ultimo, fortunatamente abbandonato.

Il fatto

Tutto sarebbe iniziato intorno alle 20. E’ buio pesto in via Monte Tomba, strada in campagna tra via Molella e via Migliara 58. Al pianterreno di una palazzina su due livelli c’è una coppia di anziani; nell’appartamento affianco nessuno (i proprietari arriveranno poco dopo); libera anche l’abitazione al primo piano (gli abitanti sono usciti), obiettivo dei ladri. I malviventi arrivano, entrando nella proprietà dalla parte posteriore, ovvero dai campi coltivati e non dal fronte strada, passando per un cancelletto pedonale. La banda si separa: almeno un paio di persone restano in giardino a fare da palo, altrettante si dirigono invece al primo piano dove forzano una portafinestra per entrare. Ma qualcosa li disturba subito. E’ la giovane coppia che abita accanto agli anziani che arrivata a casa, entra nella proprietà. I “pali” si nascondono e aspettano pazienti che marito e moglie incinta e bambino di due anni al seguito varchino l’uscio. Siamo in campagna, all’interno di una palazzina familiare con tanto di recinzione, e come da abitudine la chiave resta attaccata alla porta all’esterno. Uno dei “pali” salta fuori dall’appostamento e gira la chiave lasciando all’interno la giovane coppia. Fa altrettanto con gli anziani, mentre l’altro  corre in aiuto ai “colleghi” impegnati al piano superiore. I tempi si accorciano e fuggono in fretta e in furia abbandonando l’idea di smurare la cassaforte e arraffando il più possibile dopo aver buttato all’aria di tutto. Giù abiti e biancheria dagli armadi, dai cassetti, mobili spostati, panni calpestati. Un disastro completo. La via di fuga è la stessa dell’entrata, ma per la fretta uno di loro sbatte ad un tubo posto di traverso, ad altezza d’uomo, sul piccolo cancelletto. La busta con il bottino si rompe e qualche tempo resta a terra.

L’allarme

La giovane coppia intanto si libera e chiama le forze dell’ordine. Sotto choc la donna incinta e gli anziani. Sul posto arriveranno all’istante i carabinieri. Sono già nella zona a pattugliare le strade in largo e in lungo nella notte della Befana; le segnalazioni sono tante ma non per la presenza di vecchine con la scopa bensì per i ladri all’assalto e messi in fuga dalle sirene degli allarmi, da cani che abbaiano. Qualcuno in lontananza avrebbe sentito anche spari di doppietta e notato auto abbandonate in mezzo ai campi. Al vaglio, intanto, da parte dei carabinieri della stazione di San Felice Circeo, la denuncia sporta dalle vittime del furto di via Monte Tomba.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti