Terracina, Rifiuti Zero: l’osservatorio al nastro di partenza

269
Antonietta Orlando

L’osservatorio Rifiuti Zero del Comune di Terracina è pronto ad operare. E’ fissata per il prossimo 11 febbraio la prima riunione con l’insediamento dei componenti. Istituito con delibera commissariale assunta con i poteri del Consiglio comunale il  2 dicembre 2015, l’osservatorio a partecipazione comunale sarà coordinato dal sub commissario Antonietta Orlando ed in futuro dall’assessore competente o dal suo delegato.

Gli obiettivi

Dieci sono i fondamentali punti da conseguire per la comunità terracinese a Rifiuti Zero: separazione alla fonte, raccolta differenziata, compostaggio, riciclo, riuso, riparazione e decostruzione di vecchi edifici, iniziative di riduzione dei rifiuti, incentivi economici, separazione del rifiuto residuo e centro di ricerca rifiuti zero, responsabilità della politica, della comunità e dell’industria, discarica temporanea per il non riciclabile e la frazione organica sporca stabilizzata.

Un osservatorio autonomo

“Il compito dell’osservatorio – precisa una nota del Comune – si rende concreto nel monitorare tale percorso, garantendo che sia verificabile, partecipato e aggiornato, indicando eventualmente le criticità e le soluzioni da apportare, in piena autonomia dall’amministrazione comunale e dal gestore del servizio”.

I partecipanti alla prima riunione

Alla prima riunione sono stati invitati, oltre il sub commissario, il dirigente dipartimento urbanistica, edilizia, lavori pubblici, ambiente, il capo settore gestore protezione ambientale, il direttore esecuzione contratto del servizio rifiuti, l’esponente  di Agenda 21 e Zero Waste, il rappresentante della ditta De Vizia, il membro del Tavolo comunale del turismo, i delegati dell’istituto scolastico Don Milani e Montessori.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti