Piccoli Brividi, la serie di libri diventa film

220

In sala dal 21 gennaio, Piccoli Brividi, di Rob Letterman con Jack Black, Dylan Minnette e Odeya Rush. Il film è la trasposizione in chiave originale della famosa serie di romanzi scritta da R. L. Stein.

R.L. Stine (Jack Black), autore della serie di libri per ragazzi Piccoli brividi, tiene a bada i mostri che ha creato imprigionandoli nelle pagine dei suoi libri. Questi saranno però liberati da Zach (Dylan Minnette), nuovo vicino di casa innamorato di Hannah (Odeya Rush), figlia di Stine. I tre, insieme al migliore amico di Zach, Champ, dovranno cercare di rinchiudere nuovamente le scatenate bestie nelle pagine prima che distruggano la città.

Portare al cinema un film dedicato ad una delle più famose serie di romanzi del mondo era un impresa ardua, si rischiava di deludere quanti hanno amato i libri dei Piccoli Brividi. Tuttavia non è questo il caso, perché grazie alla sceneggiatura di Scott Alexander e Larry Karaszewsky (autori di Ed Wood e Big Eyes) il film si regge su solide basi e sketch, che ricordano le migliori commedie fantasy come Beetlejuice, Una notte al museo e Jumanji, avendo proprio con quest’ultima numerosi punti in comune. Proponendo una struttura in tre atti della sceneggiatura costantemente in equilibrio (così come dirà anche il protagonista all’interno del film), si ottiene un buon ritmo per l’intera durata del film, così da tenere sempre viva l’attenzione dello spettatore. Il tono del film si mantiene sempre tra la commedia e l’horror, non scadendo quindi nella farsa ma spaventando con leggerezza e divertendo in modo non banale. A rendere speciale la pellicola contribuisce un Jack Black in ottima forma, in grado di divertire e intrattenere il pubblico come solo lui saprebbe fare. Affiancato da giovanissimi attori, riescono tutti a rendere credibili i loro personaggi, ponendosi coerentemente all’interno di un film riuscito. Nota di merito sono anche gli effetti speciali, ben realizzati e credibili, con una buona alternanza tra effetti digitali e non. La maggior parte delle creature infatti viene ricreata con trucco e maschere, così da rendere più realistiche le vicende sia per lo spettatore che per gli attori coinvolti.

Missione compiuta dunque per Rob Letterman, che dopo il film I fantastici viaggi di Gulliver riconferma il suo talento per il genere e porta in sala un film per tutti in grado di emozionare, divertire e anche commuovere.

 

Piccoli Brividi è presente nei principali cinema di Roma, Fiano Romano, Guidonia e Colleferro.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti