Cori, utilizzo del defibrillatore: 24 iscritti al corso di formazione della protezione civile

290

Hanno partecipato in 24 a Cori nel fine settimana, al corso di formazione Blsd (Basic life support defibrillation), di rianimazione cardiopolmonare con uso del defibrillatore, finalizzato ad estendere la conoscenza dei fondamentali per sostenere in caso di necessità sanitaria e di primo intervento le funzioni vitali di una persona ed eventualmente utilizzare i defibrillatori a disposizione della comunità posizionati in paese.

L’evento Le lezioni, curate dal dottor Paolino La Marca, sabato 6 e domenica 7 febbraio presso il teatro comunale di Cori, presenziate dal vice sindaco Ennio Afilani, dal presidente della Protezione Civile di Cori Roberto Ceracchi e dal presidente di “Latina Cuore” Giovanni Stivali hanno interessato 24 persone, tra personale della Polizia locale di Cori, della protezione civile e dei due centri anziani di Cori e Giulianello.

L’importanza del primo soccorso Il corso è stato organizzato dalla protezione civile di Cori con il contributo del Comune e la guida dall’Associazione “Latina Cuore”, da anni impegnata a diffondere la cultura della prevenzione cardiologica. Un obiettivo al quale tende da sempre anche il Comune di Cori, attraverso iniziative sul territorio finalizzate a diffondere tra i cittadini le competenze necessarie in caso di bisogno, per l’utilizzo dei defibrillatori pubblici, alcuni dei quali donati in passato alla cittadinanza da “Latina Cuore”.

La prova pratica e il test finale La parte teorica sul riconoscimento e la gestione delle emergenze è stata affiancata da esercitazioni su un manichino con l’impiego del defibrillatore. Un apparecchio utilissimo ogni qualvolta si manifesti un’aritmia cardiaca (fibrillazione ventricolare) al fine di bloccarla con una scarica elettrica. Nello specifico gli iscritti al corso di formazione  hanno imparato ad adoperare il defibrillatore semiautomatico, che valuta direttamente la necessità o meno di defibrillare il paziente. Con un test finale è stata valutata l’acquisizione delle competenze Blsd dei frequentanti, ai quali è stato rilasciato l’attestato di partecipazione, riconosciuto in ambito nazionale e valido due anni, e l’autorizzazione ex legge all’utilizzo extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti