Latina, il congresso Acli: una rete tra i cittadini per il bene comune

256

Si è svolto nella giornata di ieri, presso il museo storico Piana delle Orme a Borgo Faiti, il XXVI congresso provinciale delle Acli, che ha visto la partecipazione dei rappresentanti dell’Ance di Latina, dell’Anci nazionale, della Diocesi di Latina, della Feneal Uil, del Centro culturale islamico della provincia pontina, della Cisl, della Compagnia delle opere regione Lazio, di Confartigianato e Confcooperative, dell’associazione Diaphorà, di una delegazione dei lavoratori dell’Italcraft e dell’ex Arsial di Formia, dei Lions, dell’Ugl terziario nazionale e della Vittoria Assicurazioni.

Paola Vacchina
Paola Vacchina

La relazione congressuale è stata tenuta dal direttore provinciale delle Acli, Nicola Tavoletta, ed è stata incentrata sia sui temi interni all’organizzazione che su quelli relativi allo sviluppo del territorio, con il trinomio: comunità, identità e creatività. “La scelta di realizzare l’evento presso il museo Piana delle Orme a Borgo Faiti non è stata casuale – ha spiegato Tavoletta – il messaggio che volevamo far passare è legato ad una comunità che ritrova le origini rurali della propria identità, che riconosce nella creatività l’estensione della identità, la creativa che va forgiata con la formazione, per valorizzare l’unica multinazionale che non può essere delocalizzata. Il territorio, l’agro pontino e le marinerie della provincia. La formazione professionale crea le competenze perché la creatività produca eccellenza. Su questo scommettiamo, sulla formazione duale. Le Acli provinciali di Latina sono nel vivo e protagoniste in entrambi gli ambiti”.

L’appello del Vescovo

Il congresso è stato presieduto dalla responsabile nazionale della funzione formazione Acli, Paola Vacchina che è anche la presidente nazionale dell’Enaip, ente di formazione professionale delle Acli, e dalla presidente regionale Alessandra Bonifazi, ed ha visto gli interventi del presidente provinciale Maurizio Scarsella, del vice Prefetto Scipioni, di Salvatore Pastore per la Feneal Uil, del vescovo di Latina, Mariano Crociata, che ha invitato gli aclisti a “fare rete tra i corpi intermedi e a creare accoglienza ed integrazione sociale”, un messaggio ed un auspicio che ha coinvolto direttamente tutto il terzo settore con matrice cristiana, che era rappresentato con le delegazioni dei soggetti aderenti al forum 015.

La risposta delle delegazioni

Tutte le delegazioni presenti all’incontro hanno risposto all’appello del vescovo Crociata ed hanno annunciato che stanno elaborando un documento politico con proposte amministrative in grado di sostenere le famiglie.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti