Sezze, in funzione gli eco compattatori; ogni 250 bottiglie, la SPL riconosce 10 euro

1942

I tre compattatori per la raccolta delle bottiglie di plastica sono finalmente entrati in funzione. L’azionamento dei dispositivi siti all’ingresso del centro sociale Calabresi a Sezze centro, nel parcheggio del cimitero in località Zoccolanti e nel piazzale antistante la stazione ferroviaria allo Scalo, segnano il primo passo verso raccolta differenziata incentivante. Una prima tappa di un percorso che prevede anche la raccolta porta a porta mediante una lettura con microchip per premiare i cittadini virtuosi. Intanto, mediante il conferimento nei micro compattatori, Per ogni bottiglia conferita, i cittadini setini possono ricevere un ecopunto che vale 4 centesimi di euro. I conferimenti di materiale non conforme o di bottiglie non integre, verranno decurtati dal computo. Prima di inserire la bottiglia, il cittadino deve strisciare la propria tessera sanitaria per permettere di identificare il soggetto iscritto alla Tassa dei Rifiuti del Comune di Sezze (vengono riconosciute anche le tessere dei parenti conviventi). Al termine dell’operazione, il dispositivo rilascerà uno scontrino che cumulerà di volta in volta i punti. Al raggiungimento di 250 punti (che tradotti in denaro corrispondono a 10 euro), si potrà esibire lo scontrino presso gli uffici della SPL in via Umberto I e, se in regola con il pagamento della tassa sui rifiuti, si potrà ottenere il controvalore in contanti.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteAprilia, l’acquedotto perde i pezzi: interviene Acqualatina
Articolo successivoPriverno, via al bombardamento di email a Regione e Asl per Madonna delle Grazie
Luca Morazzano, giornalista pubblicista, nato a Sezze, vive a Maenza. Intraprende la via del giornalismo qualche tempo dopo la Laurea in Filosofia per tirarsi fuori dal dolce-amaro far nulla della disoccupazione dopo gli studi. Comincia dalla cronaca sportiva di incontri di calcio dilettantistico sui campetti di provincia (che ancora non abbandona); tenta la via dell'insegnamento senza successo qundi scommette tutto sull'informazione. Dopo esperienze varie, diventa corrispondente dai Lepini per il Giornale di Latina.