Ardea, albero si abbatte su un’auto: due fratelli morti, ferita un’infermiera

271

auto vigiliTragedia questa mattina ad Ardea dove a causa del maltempo un grosso albero si è abbattuto su un’auto che stava transitando in via Laurentina: due morti e una ferita grave. Questo il terribile bilancio registrato dopo pochi minuti dall’evento. A perdere la vita sono stati due fratelli di nazionalità egiziana, di 45 e 55 anni entrambi commercianti, mentre la donna, moglie del conducente dell’auto, che sedeva sul sedile posteriore, un’infermiera italiana di 42 anni impiegata al San Camillo di Roma, è stata trasportata in ospedale con un codice rosso.

I soccorsi

L’allarme è scattato poco prima delle 6 in località Tor San Lorenzo. I due uomini a bordo della vettura, una Ford Focus, entrambi seduti sui sedili anteriori sono deceduti sul colpo, mentre la 42enne è stata estratta dalle lamiere grazie all’intervento dei vigili del fuoco: gravemente ferita è stata affidata al soccorso del personale del 118 prontamente intervenuto che ha provveduto al trasferimento al San Camillo. L’albero, un grosso pino, sradicato dal vento ha investito anche altre due auto che seguivano la Ford, ma fortunatamente gli occupanti hanno riportato solo alcune escoriazioni medicate sul posto dagli operatori del 118. Sul posto anche i carabinieri di Anzio e della stazione di Ardea. L’assurda tragedia si è verificata al chilometro 36 della Laurentina, all’altezza di via dei Colli Marini. Le salme dei due fratelli sono state portate all’obitorio di Tor Vergata.

L’inchiesta

La Procura di Velletri ha incaricato un agronomo per accertare le condizioni in cui si trovava l’albero poiché da un primo rilievo tecnico sarebbe apparso con le radici malate. Il pino, insistente su un terreno privato, alle raffiche di vento non ha retto ed è caduto sulla pubblica via provocando la morte di due persone e il ferimento di una terza. Per questa ragione il sostituto Giuseppe Strangio ha aperto un fascicolo contro ignoti, ipotizzando il reato di omicidio colposo.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti