Priverno, l’Agenda 2050 scrive le pagine dedicate a Cave e Raccolta Differenziata

482

Agenda 2050 va avanti nel presentare il suo disegno di una Priverno migliore. Nell’incontro di Sabato, i referenti del movimento che ancora non ha chiarito se parteciperà o meno alla prossima tornata elettorale, ha tenuto un convegno con due argomenti sul tavolo: Cave e Raccolta Differenziata. Ad introdurre i lavori è stato Ernesto Cesare Desideri;
CAVE
Arianna Fantozzi ha invece orientato il discorso sull’argomento cave, spiegando l’incidenza economica che l’attività estrattiva comporta per la città. Il teorema espresso si riassume: “E’ giusto scavare quanto ottenuto in concessione, è doveroso rimboscare le aree disboscate e compensare economicamente per quanto scavato”, Dina Carpentieri ha approfondito l’aspetto normativo esponendo i contributi che le cave devono versare per quanto scavano.
RACCOLTA DIFFERENZIATA
Antonio Di Giorgio spiega la situazione drammatica di Priverno e ricordando il caso ancora al vaglio della magistratura che riguarda le isole ecologiche. Giuseppe Di Legge sciorina i numeri di paesi capaci, da un anno all’altro, di diventare esempi virtuosi di raccolta differenziata.
A sintetizzare è Pierantonio Palluzzi che a proposito di isole ecologiche, ricorda la stessa perizia che le ha dichiarate ko. Nel documento veniva indicato un costo di ripristino di 5mila euro a struttura per un totale di 180 mila euro. Con un programma per renderle funzionali ad un sistema di raccolta differenziata puntuale e premiante per chi differenzia meglio, la spesa, varrebbe il vantaggio.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteSezze, si infittisce il giallo della Casa dei Giovani
Articolo successivoLatina, nuovi chioschi tra Capoportiere e Rio Martino. Ecco il bando
Luca Morazzano, giornalista pubblicista, nato a Sezze, vive a Maenza. Intraprende la via del giornalismo qualche tempo dopo la Laurea in Filosofia per tirarsi fuori dal dolce-amaro far nulla della disoccupazione dopo gli studi. Comincia dalla cronaca sportiva di incontri di calcio dilettantistico sui campetti di provincia (che ancora non abbandona); tenta la via dell'insegnamento senza successo qundi scommette tutto sull'informazione. Dopo esperienze varie, diventa corrispondente dai Lepini per il Giornale di Latina.