Terracina, l’11 marzo convegno sul turismo organizzato da Forza Italia

134

Si terrà presso l’Hotel Ristorante 116 di Terracina il convegno organizzato dal candidato sindaco Gianluca Corradini e tour operator Antonio D’Ettorre dal titolo “Un nuovo sviluppo per il turismo di Terracina”. L’appuntamento è alle 17 . Interverrà  anche Francesca Traclò, professoressa dell’economia dell’innovazione all’Università Internazionale ed autrice del libro “Oltre i limiti del turismo all’italiana”.

L’invito a partecipare è rivolto soprattutto a operatori turistici, ristoratori, albergatori, balneari, consorzi e associazioni di categoria. Il candidato azzurro ascolterà le esigenze di tutti con l’obiettivo di fare squadra per la promozione di Terracina.

“Abbiamo vissuto un periodo d’oro per il turismo – ricorda D’Ettorre -, adesso il settore è decaduto. Prima venivano russi e scandinavi, adesso la promozione è affidata ai privati, ai singoli tour operator che partecipano alle fiere iternazionali. Dovrebbero essere i Comuni che, facendo sistema tra loro, promuovono tutta la Riviera nei mercati internazionali e si impegnino, a livello locale, a garantire i servizi per i turisti: mare e spiagge puliti, trasporti e parcheggi”.

“E’ apprezzabile che dopo il nostro intervento sul turismo e sulla necessità di formare un consorzio di promozione del comprensorio, il Commissario Ocello abbia deciso di convocare operatori e associazioni per la prossima stagione balneare – spiega Corradini -. In realtà bisogna ripensare completamente il modello di turismo e di promozione di Terracina e di tutta la Riviera. Ho più volte ribadito che la collaborazione tra i Comuni è fondamentale. Fare sistema tra gli operatori turistici, l’amministrazione pubblica e le altre città della costa è importante per sviluppare concretamente la nostra vocazione turistica e per promuoverci al meglio ai turisti italiani e stranieri. Ho già detto che è logico che il ruolo da capofila deve essere di Terracina perché la nostra città è la seconda della provincia per numero di esercizi commerciali nel settore della ricettività”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti