Terracina, la figlia dell’ex assessore Cerilli candidata nella Lista Sciscione

352
Barbara Cerilli e Nicola Procaccini

Continua la sfilata degli aspiranti consiglieri comunali della squadra di Nicola Procaccini, candidato sindaco di Terracina. Sulla passarella di oggi Barbara Cerilli, avvocato 39enne.

“Il ricambio generazionale diventa realtà”, sottolinea una nota stampa del cantiere di Nicola, perché Barbara “eredita la passione politica dal padre e si cimenta per la prima volta nella competizione elettorale cittadina”. Paolo Cerilli è stato giovane sindaco della Dc negli anni ’80 e “recentemente apprezzato Assessore al bilancio nell’Amministrazione Procaccini”. “Un patrimonio di esperienza di cui sicuramente la giovane Barbara potrà fare tesoro”.

Candidata al Consiglio comunale di Terracina nella “Lista Sciscione”, Cerilli parla dei suoi progetti per la città e della sua scelta di candidarsi: “Terracina  è la città dove vivo, lavoro e voglio crescere i miei figli e dunque, voglio impegnarmi con tutte le mie forze, affinché possa essere il posto migliore dove farlo- ha dichiarato la candidata – Vedere finalmente dopo tanto tempo amministrare la nostra città con passione e amore ha acceso in me la voglia di impegnarmi in prima persona, di metterci la faccia e, per farlo, ho scelto di fidarmi di quelle persone che fino ad oggi hanno dimostrato il loro valore. Parlo, di Nicola Procaccini e di Gianfranco Sciscione, che è il mio capolista”. “Il mio progetto per la città – ha aggiunto Cerilli – è quello di migliorare la qualità della vita nelle zone periferiche partendo dalle esigenze primarie, come strade e illuminazione, fino ad arrivare alla creazione di nuovi centri di aggregazione sociale attraverso un nuovo progetto culturale. Inoltre credo sia molto importante valorizzare il nostro enorme patrimonio culturale per promuovere finalmente un turismo che possa esprimersi per 12 mesi l’anno. La promessa che, però, voglio  fare è che, se verrò eletta, lavorerò con serietà, impegno ed onestà”.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti