Terracina, Di Tommaso: pari opportunità anche nello sport

124
Alessandro Di Tommaso
Alessandro Di Tommaso

“Le donne fanno meno attività fisica degli uomini: servono interventi multisettoriali, che tengano conto di esigenze e caratteristiche specifiche. La riflessione è di Alessandro Di Tommaso, candidato sindaco di Pd e Terracina 2026: “L’8 marzo – dice – è stata l’occasione per fare luce su questo gap di genere. Ritengo che le pari opportunità debbano sussistere anche nello sport e il mio impegno per Terracina sarà rivolto anche in questa direzione”.

Il problema

Di Tommaso fa riferimento a studi confermano che come le donne in Italia pratichino meno attività fisica rispetto agli uomini. “Molte ricerche – dice – evidenziano limiti e opportunità di fare pratica fisica per le donne che vivono e lavorano in città. Il quadro di riferimento sono le raccomandazioni internazionali che, ai fini della salute della popolazione adulta, prescrivono 30 minuti di attività moderata al giorno per cinque volte alla settimana o 20 di attività vigorosa tre volte alla settimana ed esercizi per la forza muscolare due volte alla settimana. Interviste sullo stile di vita, ma anche sulla consapevolezza di come l’attività fisica sia un aiuto importante nel ridurre il rischio di molte malattie croniche che colpiscono in particolare il genere femminile, hanno portato a risposte univoche: la maggiore difficoltà è conciliare i tempi del lavoro con quelli della casa e della famiglia. La mancanza di tempo è il primo ostacolo, soprattutto perché rende difficile ritagliarsi la possibilità di frequentare un corso o praticare uno sport in una struttura, magari lontana da casa. Tra le intervistate dichiarano di fare sport il 27,1%, attività fisica meno intensa e continuativa il 27,6%, mentre il 39% si ritiene una persona sedentaria”.

La politica

E a chi si domanda quale ruolo hanno le istituzioni nello sviluppo e nella sensibilizzazione alla pratica sportiva a scopi di salute, il giovane candidato sindaco risponde che “valorizzare la donna per la cura e il rispetto che deve sempre avere per se stessa è la chiave di lettura per sviluppare politiche a sostegno e proporre soluzioni, spazi e luoghi adatti a vivere in città l’attività fisica”. “Il mio programma di governo per la città di Terracina – dichiara Di Tommaso – prevede iniziative a riguardo”.

La soluzione

“Una camminata di fitwalking o la corsa nello spazio urbano – spiega il candidato – può  porre lo sport come elemento di aggregazione e veicolo per sensibilizzare le donne (ma non solo) sull’importanza del fare esercizio, anche e soprattutto per sconfiggere molte malattie croniche. La camminata ‘corretta’, mettendo in pratica alcune semplici regole tecniche, può diventare un valido modo per fare attività fisica adatta a tutti. Questa disciplina si adatta particolarmente a chi vive in città e ha difficoltà a trovare gli spazi per l’attività fisica”. Per Di Tommaso si tratta di un’iniziativa a basso costo che risponde all’esigenza di incentivare l’educazione a stili di vita sani e nell’ottica di concorrere a strategie che promuovano il movimento a scopo di salute si rivela piuttosto utile. “Certamente – aggiunge – anche l’istituzione di aree pedonali, le giornate ‘porte aperte’ allo sport per tutti, l’agevolazione alla pratica fisica per determinate fasce della popolazione sono misure altrettanto importanti. La promozione dell’attività fisica nel sesso femminile sarà da me sostenuta tenendo conto dei necessari interventi multisettoriali e multidisciplinari, che tengano conto delle esigenze e delle caratteristiche diverse dei vari gruppi di donne”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti