Le Cinèma Vis Fondi, un pareggio inutile

155

Se c’era un risultato che non serviva, in questa quartultima giornata di campionato, era proprio il pareggio. Consolidata la permanenza in Serie A con la vittoria di due settimane fa, Le Cinèma Vis Fondi voleva approfittare di questa gara casalinga con la Salernitana per cercare di raggiungere un altro obiettivo, ovvero i play off. Il risultato però ha complicato le carte in tavola. La cronaca della partita è, soprattutto per il primo tempo, indecorosa per le ragazze di mister Cibelli, infatti le avversarie sono andate subito in vantaggio approfittando di un errore ingenuo della difesa fondana. Per tutti i primi 20′ di gara le rossoblu non hanno saputo riprendersi dallo shock sbagliando addirittura due tiri liberi con la Uveges e la Palomba. Irriconoscibili le rossoblu, soprattutto rispetto alla partita precedente dove, a Roma, contro la Fenice avevano stra-dominato. Ma è un leitmotiv questo che va avanti dall’inizio della stagione, se si pensa che proprio a Salerno le fondane avevano raccolto la prima vittoria fuori casa.

«In settimana avevo perfettamente fotografato la situazione, e alle ragazze non ho parlato d’altro – dichiara Emilio Cibelli -. Le campane sarebbero venute a fare il loro consueto gioco, ovvero il catenaccio. Ragione per cui avevo organizzato i nostri schemi in modo chiaro da poter trafiggere questa barricata entrando centralmente. In allenamento la cosa ci è riuscita sistematicamente, come sistematicamente non ci è riuscita in gara. Prova ne è che quelle pochissime volte che le mie ragazze lo hanno fatto abbiamo creato problemi alla loro difesa. Sono amareggiato sopratutto per questo, più che per l’occasione sciupata. Ora, come sempre, sguardo puntato verso Ferentino e al derby di sabato prossimo». 

Ne secondo tempo il pareggio de Le Cinèma Vis Fondi è stato segnato da una encomiabile, come sempre, Marika Colantuono. Radio Show Italia è la radio ufficiale de Le Cinèma Vis Fondi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti