Sermoneta, Venanzio Manciocchi espone i suoi 50 anni d’arte: dal 19 marzo al 25 aprile

283

Si apre sabato 19 marzo, alle 18 e trenta, e proseguirà fino al 25 aprile, presso la chiesa di San Michele Arcangelo di Sermoneta, la mostra “Lo specchio interiore”, dell’artista Venanzio Manciocchi, che con l’occasione festeggia cinquant’anni di attività. L’artista residente a Latina ma originario di Sermoneta, ha deciso di esporre una raccolta delle sue opere realizzate dal 1966 ad oggi nella chiesa di fronte alla quale è nato e cresciuto. Una sorta di ritorno alle origini ed il modo migliore per celebrare questo mezzo secolo di attività artistica, con opere che hanno rappresentato gli scorci più belli della provincia di Latina. L’evento è patrocinato dal Comune di Sermoneta. Dalla Provincia di Latina, dal Pontificio Consiglio per la Famiglia e dall’Ufficio Diocesano per i Beni Culturali Ecclesiastici di Latina. Insieme alla mostra è stato realizzato un catalogo che rappresenta la “summa” delle opere di Manciocchi.

Un viaggio durato 50 anni

“Oggi, nel pieno della maturità, l’artista guarda al passato come ad un cammino di ricerca costante, supportato da una forza interiore, ma anche dalla consapevolezza del lavoro compiuto. Il viaggio si rivela, alla verifica, di una particolare intensità”, si legge nella presentazione del catalogo firmata da Giorgio Agnisola.

Un esempio per le future generazioni

“A Manciocchi riconosciamo il merito di aver contribuito a far conoscere Sermoneta a livello nazionale con le sue innumerevoli mostre in giro per l’Italia”, spiegano il Sindaco Claudio Damiano e l’assessore alla cultura Giuseppina Giovannoli. “Sermoneta è un borgo medievale perfettamente conservato grazie all’attenzione che ogni Amministrazione pubblica ha riposto per preservare le proprie bellezze architettoniche, artistiche ed ambientali. Abbiamo un patrimonio inestimabile che vogliamo trasmettere alle future generazioni, affinché a loro volta le preservino in futuro. In questo percorso di conservazione è compreso anche il patrimonio immateriale, fatto di tradizioni, di dialetti e di cultura importanti tanto quanto i beni materiali. Gli artisti sermonetani fanno parte di questo patrimonio da mantenere e preservare. Ecco perché salutiamo con soddisfazione il prestigioso traguardo di Venanzio Manciocchi, nella speranza che il suo esempio di costanza e passione nell’arte possa essere da esempio per le future generazioni di artisti”.

Venanzio Manciocchi
Venanzio Manciocchi

LE VOSTRE OPINIONI

commenti