Terracina, 14 anni di malgoverno. L’appello del Pd per voltare pagina

120
Ivano Giuliani

“Procaccini, Corradini e Nardi: ecco quelli che hanno distrutto Terracina in quattordici anni di amministrazione comunale. E incuranti del loro fallimento politico, hanno il coraggio di riproporsi agli elettori”. Il Partito democratico di Terracina fa appello a tutte le forze politiche che non si riconoscono nel centrodestra ad unirsi al partito, sostenendo la coalizione del candidato sindaco Alessandro Di Tommaso e il suo programma “basato su una proposta seria, l’unica vincente, per governare Terracina, ponendo al centro i bisogni dei cittadini sia a livello sociale che di prospettive per il futuro”.

“Se Terracina sta come sta – afferma il coordinatore Ivano Giuliani – è perché il centrodestra, che oggi si presenta spacchettato a riconferma delle ragioni del suo flop, non è stato capace di programmare un’azione politico-amministrativa efficiente ed efficacie rispetto alle esigenze sociali e di sviluppo della città ma ha imposto scelte ispirate ai clientelismi di turno perdendo di vista il bene comune e interventi non condivisi che hanno aumentato il malcontento. E’ ora di voltare pagina e le prossime elezioni sono l’occasione giusta per fare piazza pulita e liberarci dai principali attori della debacle terracinese”.

Il invito che il Pd fa alle forze politiche che non si riconoscono nel centrodestra “è esteso anche al mondo dell’associazionismo e del volontariato, ad ogni singolo cittadino che crede ancora che la qualità della vita a Terracina possa migliorare lontano dalla politica del favoritismo che si è fatta strada in questi 14 anni schiacciando le aspettative di crescita e di sviluppo”.

“Voltiamo pagina – ha concluso Giuliani – e facciamoci protagonisti di questa sfida”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti