“Ora della terra”: stasera luci spente anche in provincia di Latina insieme al Wwf

221

Per la giornata mondiale dell’ora della Terra, anche nella provincia di Latina oggi saranno spente, dalle 20,30 alle 21,30, le luci dei monumenti, come gesto simbolico promosso dal wwf per esprimere con forza la volontà di salvaguardare il clima e la salute del pianeta. Un evento – spiegano i promotori – che offre anche l’opportunità per ritrovarsi insieme per cene sostenibili e solidali, grazie alla partnership con “Altromercato”. In Italia hanno aderito finora oltre 200 luoghi tra comuni e palazzi storici dal nord al sud.

Stop all’illuminazione nei Comuni della provincia

Diversi comuni della provincia di Latina hanno aderito all’evento mondiale: a Terracina verrà spento dalle 20,30 alle 21,30 il monumento “Tempio di Giove” e i volontari del Wwf saranno presenti in piazza con un banchetto informativo per distribuire una ecoguida a chi vuole concretamente modificare  il proprio stile di vita. A Formia sarà spenta la Torre di Mola, mentre a Ventotene sarà la piazza principale dell’isola, piazza Castello a restare al buio per un’ora. Il comune di Sermoneta ha aderito lasciando spenta la Loggia dei Mercanti, a Fondi sarà spenta la pubblica illuminazione di piazza Municipio, a Spigno saranno spente le luci perimetrali del Palazzo Comunale. Il Comune di Lenola spegnerà le luci dell’area esterna del santuario della Madonna del Colle e della scalinata della Pace. Infine, a Sezze saranno spente le luci della facciata della Cattedrale di Santa Maria.

Il ruolo delle istituzioni

L’appuntamento è stato patrocinato dal Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati: inoltre il fattivo contributo dei Comuni contribuisce al successo dell’iniziativa grazie alla partnership con l’Anci. Per il secondo anno consecutivo la Marina Militare si unirà nel simbolico gesto dello “spegnere le luci” contribuendo al progetto di sensibilizzare il mondo ai problemi legati al riscaldamento climatico.

Contro lo spreco di energia

“L’Ora della Terra è un’ora di felicità – ha dichiarato Andrea Filpa Delegato del Wwf Italia per il Lazio – E’ un’ora che ci fa vedere il nostro Comune, ma anche la nostra casa, in una luce diversa, la luce del buio o la luce delle candele. Per chi la festeggia nelle piazze e nelle strade rappresenta una occasione per capire che siamo in tanti ad essere consapevoli che lo spreco di energia non vuol dire ricchezza ma povertà, per noi e per le generazioni future. Saremo ricchi se un domani sapremo vivere con l’energia che alimenta la Terra, quella del Sole. Per chi la festeggia in casa, magari celebrando la festa dei papà, è una occasione per vivere la quotidianità in maniera diversa e suggestiva, a lume di candela. Per tutti quelli che la festeggiano è una occasione di riavvicinarsi alla natura, che vive ogni giorno ciclicamente di alba, di luce, di tramonti e di notte”.

 

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti