Intervista col creativo! Mettiamo le scarpe e usciamo con Patrizia!

116

La primavera è cominciata, le giornate si fanno più lunghe e le temperature dolci . Nell’aria il profumo seducente dei fiori… Non ci resta che mettere le scarpe ed uscire.

PatriziaLa creativa di oggi è Patrizia Giacomelli del blog ” Metto le scarpe ed esco”.

D. ci presenti Patrizia?

Sono una modellista-stilista, tre anni fa l’azienda dove lavoravo con orgoglio e passione ha dovuto chiudere a causa della crisi. Dopo alcune esperienze a tempo determinato e molte porte sbattute in faccia ho deciso di trovare un modo per raccontare le cose che il mio curriculum non riesce a dire di me: la mia creatività, la mia ironia e l’amore che metto nel mio lavoro. Così è nato “Metto le scarpe ed esco”un blog in cui settimanalmente pubblico le mie creazioni e le mie riflessioni sul mondo che mi circonda.

IMG_1079aD. Quando crei un abito o un accessorio ti ispiri alle ultime tendenze o piuttosto ti affidi al tuo personalissimo gusto?

L’ispirazione non ha regole, può arrivare da qualsiasi cosa. Cerco di tenermi aggiornata sulle nuove tendenze, ma non sono una fashion-victim (detesto questa espressione). Le idee mi arrivano più facilmente da un tessuto che non ricordavo di avere, un fiore, un bottone, una giacca di mio marito, l’illustrazione di un vecchio libro o un quadro visto in un museo. Ci sono anche momenti in cui sento il bisogno di scarabocchiare il bozzetto di un abito senza che ci sia nulla di particolare ad ispirarmi.IMG_0303a

D.  perché, secondo te, indossare qualcosa fatto su misura per noi dovrebbe essere migliore dei tanti taglia unica che si trovano in giro? E poi una taglia può davvero essere unica e soddisfare le esigenze di tutti?

Sicuramente un capo su misura ha molti vantaggi: ci dà la possibilità di scegliere il tessuto ed il modello che desideriamo, aiuta a valorizzare i punti di forza e a nascondere i difetti del nostro corpo, oltre alla soddisfazione di indossare qualcosa di unico con rifiniture di alta qualità. Ogni essere umano, poi, ha caratteristiche fisiche diverse; pretendere che un abito in taglia unica
IMG_0332Aabbia lo stesso effetto su tutti è pura illusione.

IMG_0330AD. Cosa significa per te essere creativi?

Essere creativa per me significa realizzare le cose che mi suggerisce la fantasia, non dormire di notte perché un’idea mi frulla nella testa, cercare tecniche nuove che mi permettano di sviluppare un progetto che ho in mente, non intendo solo creando vestiti, cucire è una delle tante cose che so fare. Nel blog do la precedenza al cucito perché è la cosa che riguarda più da vicino il mio lavoro. Cerco di sfogare la mia immaginazione anche disegnando (questa è in realtà la mia più grande passione), preparando nuove ricette (sono anche una discreta cuoca), creando bigiotteria e inventando piccoli oggetti per la casa.Img_1654A

IMG_0808aIMG_0403aD. Metti le scarpe ed esci …dove vai?

“Metto le scarpe ed esco” è il mio modo di dire “sono pronta per uscire” e non è detto che le scarpe abbiano il tacco 12, anzi è più probabile che siano scarpe da ginnastica o scarponi. Quando riesco a trovare il tempo, mi piace molto fare lunghe passeggiate in montagna con la mia famiglia, camminare nei prati e vagare nei boschi, girovagare nei mercatini dell’artigianato, visitare piccoli borghi, città d’arte, castelli, musei o giardini botanici, insomma vado sempre alla ricerca di tutto ciò che può nutrire la mia fantasia.IMG_1053a

D. Immagino che il saper cucire ti procurerà  richieste di ogni tipo da parte di amici e parenti. E’ più facile soddisfare le richieste di chi  non si conosce o dei propri cari?

Tutti diventano un po’ delle primedonne quando devono far realizzare un capo su misura (anche gli uomini) perché vorrebbero dare il loro tocco personale. Non c’è niente di male, ma spesso si tratta di idee piuttosto strampalate che complicano il lavoro sia nella creazione del cartamodello che nella confezione vera e propria. Sicuramente le persone che mi vogliono bene si fidano di me e sono più disponibili ad accettare i miei consigli e le mie correzioni. Un caso a parte è mia figlia, che ormai è diventata “la mia committente più esigente”.

IMG_0905AD.Hai una figlia…le trasmetterai la tua passione per il cucito?

La mia passione per il cucito mi è stata trasmessa dalle mie nonne, spero che anche mia figlia la erediti da me. E’ troppo presto per dire se seguirà le mie orme. Spero di riuscire almeno ad insegnarle come si attacca un bottone, come si fa un orlo o un rammendo, cose che secondo me ogni donna dovrebbe saper fare, solo per una questione di “sopravvivenza quotidiana”.

D. Hai appena vinto una somma consistente al gratta e vinci …. c’è un desiderio , un sogno tenuto da parte che vorresti realizzare per primo?

IMG_5533AMi piacerebbe far diventare “Metto le scarpe ed esco” un vero e proprio marchio di abbigliamento completamente made in Italy.

IMG_0878

Direi proprio che la nostra Patrizia la “stoffa” per creare un suo marchio di abbigliamento ce l’abbia tutta.

IMG_0545Quanta grinta e quanta determinazione nelle creative che sto incontrando!

C’è tutto un mondo da scoprire là fuori..e noi lo faremo insieme .

Finora abbiamo ospitato solo creative donne. Mi piacerebbe tantissimo poter conoscere anche il lato maschile di questo universo.

Spero che qualcuno di voi maschietti ci legga e si faccia avanti. IMG_0137a

IMG_0036a

 

 

 

 

IMG_0074

 

Ora vi lascio al tutorial che ha pensato per noi Patrizia : facciamo una spilla.

1

2

4

5

6

8

E’ davvero una bellissima idea!

Grazie a Patrizia per averci rilasciato questa bella intervista : ognuna di voi ci sta insegnando qualcosa di nuovo e sta solleticando la nostra curiosità e ispirando la nostra voglia di creare.

IMG_0420AIMG_0631a

Scrivetemi a io.clelia@gmail.com se volete ricevere le vostre domande e partecipare a questa iniziativa, oppure lasciate un commento e il vostro indirizzo email .

Ricordate che potete leggere  l’ intervista anche sul mio blog.

Vi abbraccio

A prestissimo

Clelia

 

 

 

 

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti