Rifiuti, movida e traffico: a Terracina Pasqua e Pasquetta piene di polemiche

95

Pasqua e pasquetta, dentro l’uomo le solite polemiche. Capita a Terracina dove, probabilmente a causa dell’aumento delle presenze dovute alle festività, le strade del centro domenica mattina sono apparse tutt’altro che decorose. Cassonetti di rifiuti davanti ai condomini nel giorno in cui è previsto solo il ritiro dell’immondizia dei negozi. Inutili le proteste, contestato anche lo sdegno. Il calendario è noto a tutti: il sabato mattina si ritira l’umido, la domenica mattina i rifiuti delle attività commerciali: sbaglia chi ci prova. Ma intanto è polemica sul servizio del porta a porta che non sembra trovare soluzione soprattutto quando si esce dalla routine. Eppure, le festività di Pasqua sono segnate in rosso sul calendario e il servizio dovrebbe tenerne conto, lamentano i cittadini.

Ha comportato una multa di 3.333 euro il mancato rispetto dell’orario di chiusura dei locali domenica sera. Un esercente è stato sanzionato dai carabinieri durante il servizio di controllo straordinario su strada e delle movida. E riesplodono le polemiche sull’ordinanza del commissario prefettizio Erminia Ocello relativo alle “limitazioni” della notte. “Si aspetta un po’ di gente per lavorare e poi tutto se ne va in multe”. Ma anche in questo caso la critica lascia il tempo che trova.

Nel pomeriggio di oggi un banale incidente avvenuto in piazzale Aldo Moro: un pullman nel tentativo di immettersi sul lungomare ha urtato una pattuglia della Polizia. Apriti cielo. Non basta il disagio del traffico in tilt. Non basta. Perché guarda caso il sinistro è avvenuto in un punto già segnalato come pericoloso per i mezzi che da viale della Vittoria devono svoltare su viale Circe: troppo stretto il passaggio. E si riaccendono le polemiche sui contestatissimi lavori eseguiti per il rifacimento della piazza che ha trasformato il piazzale Lido in piazzale Aldo Moro e per il suo completamento con ulteriore restringimento della carreggiata.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti