Priverno, un convegno sulla sclerosi multipla e le altre malattie neuro-degenerative

161
hp photosmart 720

Sabato 9 aprile, presso la sala delle cerimonie del comune di Priverno, si terrà il convegno “La Sclerosi multipla e le malattie neuro-degenerative – Quando i desideri si chiamano diritti” per fare il punto sulla sclerosi multipla nel comprensorio dei Monti Lepini. Questo evento nasce con l’intenzione di capire e far capire la malattia, di portare alla luce l’incidenza di questa patologia che coinvolge intere famiglie nell’assistenza al malato, come tutte le patologie neuro-degenerative, sottolineare l’umanità del malato e – infine – capire cosa, e in che misura, il malato di Sclerosi Multipla può aspettarsi dal Servizio Sanitario e dalla pubblica amministrazione.
La sclerosi multipla è una malattia di cui si parla troppo e poco: troppo, quando si tratta di commuovere e “fare effetto” e poco perché l’uomo della strada non conosce la realtà di questa patologia. Siamo tutti ignoranti riguardo le percentuali di malati sul territorio, i sintomi che essa presenta, l’evoluzione della malattia, le sofferenze che comporta, le cure possibili oggi e quelle che la ricerca ci fa sperare arrivino in futuro. Non conosciamo le sofferenze delle famiglie dei malati di sclerosi multipla e di altre patologie neuro-degenerative, le fatiche, fisiche e psicologiche. Ma, spesso, sia i malati che i loro familiari non sanno ciò che possono chiedere e pretendere dal servizio sanitario e dalla pubblica amministrazione. A tutte queste “ignoranze” cercheranno di ovviare i relatori del convegno, volontari e specialisti, disposti a confrontarsi con il pubblico, scendendo dalle cattedre ed entrando nella vita quotidiana.
La sofferenza non capita spinge le persone a chiudersi. Bisogna invece aprirsi e formare gruppi che compongano quell’ariete necessario a sfondare il muro della burocrazia e dell’indifferenza.
Sarà un bel giorno per capire, aiutare, ricominciare.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteSan Felice Circeo, arrestato giovane coltivatore di marijuana
Articolo successivoSuperEnalotto, a Gaeta un 5 da 31 mila euro
Luca Morazzano, giornalista pubblicista, nato a Sezze, vive a Maenza. Intraprende la via del giornalismo qualche tempo dopo la Laurea in Filosofia per tirarsi fuori dal dolce-amaro far nulla della disoccupazione dopo gli studi. Comincia dalla cronaca sportiva di incontri di calcio dilettantistico sui campetti di provincia (che ancora non abbandona); tenta la via dell'insegnamento senza successo qundi scommette tutto sull'informazione. Dopo esperienze varie, diventa corrispondente dai Lepini per il Giornale di Latina.