Sermoneta, “I giovedì di Unitre”: conferenza sul Diritto Internazionale Umanitario

128

Per il terzo appuntamento, giovedì 14 aprile, alle 17, presso l’aula magna della scuola primaria di Pontenuovo a Sermoneta, con “I giovedì di Unitre”, si svolge la conferenza “Il Diritto Internazionale Umanitario: analisi ed applicazione nei moderni conflitti armati”. Relatore della conferenza sarà il Generale in pensione Salvatore Lato il quale, durante il servizio attivo, ha operato, con mansioni di comando sia presso lo Stato Maggiore dell’aeronautica ed Enti dipendenti, sia presso il Comando Supremo della Nato. Membro dell’Istituto Internazionale di Diritto Umanitario dal 2002, è attualmente direttore dei corsi in lingua inglese, presso l’università di Sanremo, riguardanti la legge dei conflitti armati e la sua applicazione in aree di crisi.

L’appuntamento

Si tratta del terzo appuntamento, promosso ogni quindici giorni dall’Università delle Tre Età di Sermoneta, nata come agenzia di promozione culturale e sociale che, nell’intento di favorire un ricco scambio intergenerazionale, cura la realizzazione di corsi, laboratori, seminari e dibattiti in collaborazione con l’Ente locale, l’Istituto comprensivo “Donna Lelia Caetani” di Sermoneta e le diverse associazioni che operano sul territorio.

Il Tema

Con l’espressione “Diritto Internazionale Umanitario” si intende – spiegano i promotori dell’incontro – l’insieme delle regole e dei principi che limitano la violenza in caso di guerra, al fine di preservare la vita e la dignità delle persone che non partecipano direttamente alle ostilità o che sono state messe “fuori combattimento”. La presentazione di tali norme trova il suo completamento nella conoscenza della legge sui Diritti Umani in quanto i due sistemi hanno lo stesso fine, la protezione della vita e della dignità umana, precisando, però, che il diritto umanitario si applica nelle situazioni di conflitto armato, mentre i diritti umani, o almeno alcuni di essi, proteggono la persona umana in ogni tempo, tanto in guerra che in pace.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti