Noi con Salvini sbarca a Latina: “Qui un riscontro enorme”

384
Matteo Adinolfi

“In nove giorni abbiamo fatto un miracolo. La lista praticamente fatta, un nome pronto per la candidatura a sindaco, e una marea di gente che ci ha cercato”. Matteo Adinolfi, consigliere comunale con An dal ’97 al 2007, è l’uomo su cui ha puntato Matteo Salvini per la sfida di Latina. Una piazza in cui si rischiava di fare figuracce e che invece adesso potrebbe regalare soddisfazioni straordinarie. In platea, durante la conferenza stampa di presentazione, c’era gente come Creo e Tontini, che l’amministrazione comunale di Latina l’ha conosciuta, e che adesso vede nel movimento filoleghista una nuova casa. “A Latina – dice Adinolfi – abbiamo trovato una apertura di credito inaspettata. Nei borghi soprattutto abbiamo trovato tante porte aperte, entusiasmo, voglia di partecipazione. Un riscontro enorme, che ha cambiato completamente lo scenario politico”.

ACCORDO CERCASI Traduzione. In questi giorni capiremo da che parte andrà il movimento. Lunedì, quando Matteo Salvini scenderà in Agro (appuntamento in piazza del Popolo e poi cena al Ritrovo, il giorno successivo passeggiata al mercato settimanale), si deciderà se Adinolfi sarà anche il candidato sindaco oppure se Ncs andrà a dare manforte agli altri già in corsa. “Abbiamo parlato sia con Calandrini che con Calvi, ma anche con Lemma, D’Annibale, Chiarato e Tripodi. Siamo convinti di essere giunti alla vigilia di una svolta storica, come quella che portò alla frantumazione della dc e alla vittoria del movimento sociale nel ’93. Possiamo farcela anche noi, siamo convinti di poter giocare un ruolo da protagonisti”. Per il progamma c’è ancora tempo, ma Adinolfi cita progetti come fosse davvero negli anni Novanta. “Sì perché io rimpiango il Prg di Cervellati, vorrei l’università nel cuore della città e la Guardia di Finanza all’ex Icos, anche per presidiare i quartieri Q4 ee Q5, che sono in completo abbandono”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti