Circeo, permessi a costruire nelle zone D: aperto un tavolo di discussione

167
Il Comune di San Felice Circeo

Residente e attrezzature alberghiere: nuove prospettive per il Circeo; avviato un tavolo per risolvere le criticità. Si è tenuta stamattina, nell’aula consiliare del Comune di San Felice Circeo, una riunione avente ad oggetto lo studio delle richieste di permesso a costruire nelle zone D di piano Regolatore (art. 20 – sottozone D1-“Le zone in questione sono destinate ad accogliere esclusivamente edifici per residenze stabili ed attrezzature alberghiere).

Eugenio Saputo
Eugenio Saputo

“La problematica è molto sentita – fa sapere l’amministrazione comunale -, poiché ha dato adito in un recente passato a vari ricorsi al Tar ed è oggetto di interpretazioni controverse. Ciò ha causato una serie di problematiche che investono il Settore Urbanistico del Comune, gli uffici dell’Ente Parco, i tecnici che operano sul territorio comunale, i cittadini che richiedono il rilascio dei permessi a costruire e i legali che, spesso, li assistono in giudizio”.

Egidio Calisi
Egidio Calisi

Al fine di individuare una eventuale possibilità per affrontare e risolvere le criticità, è stato aperto un tavolo di discussione cui hanno partecipato: l’amministrazione comunale con il vicesindaco Eugenio Saputo, l’assessore all’Urbanistica Egidio Calisi, il  presidente del Consiglio comunale Stefano Recchia e l’architetto Stefano Peruzzo, il direttore dell’Ente Parco Paolo Cassola con il geometra Dario Tarozzi, una nutrita rappresentanza di tecnici ed alcuni avvocati.

“Si è trattato di un incontro proficuo – recita una nota stampa del Comune – che è servito a mettere a punto una proposta da preparare in tempi brevi e da sottoporre anche alla Regione Lazio, vista anche la valenza che su tutte le ipotesi avrà il Ptpr approvato dalla Giunta Zingaretti e che, tra poco, sarà oggetto di discussione in Consiglio regionale”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti