Terracina, il nuovo museo apre con una mostra dedicata a Cambellotti

386

Dunque, né il ministro dei Beni culturali Dario Fanceschini né il presidente della Regione Nicola Zingaretti: l’inaugurazione del nuovo Museo di Terracina avverrà al riparo dalle polemiche. Il rischio di protesta davanti al delegato del Governo contro la volontà del commissario straordinario del Comune di Terracina, Erminia Ocello, di mettere in vendita l’ex mercato Arene si è azzerato da solo con l’asta andata deserta; il pericolo di un’imboscata al Governatore per via delle cozze è stato annientato da un impegno improrogabile dello stesso presidente. Il taglio del nastro a Palazzo della Bonificazione Pontina avrà luogo domani, 4 maggio, alle 11.30. Al fianco di Ocello è attesa la presenza di Ilaria Borletti Buitoni, Sottosegretario di Stato al Ministero dei Beni culturali e del Turismo, l’assessore regionale – di casa – Rita Visini e Alfonsina Russo, Soprintendente per i beni archeologici del Lazio e dell’Etruria meridionale.

Domani, i cittadini terracinesi e quanti vorranno partecipare all’evento, troveranno un Palazzo completamente recuperato, con spazi dedicati al Museo Archeologico e della Bonificazione Pontina, alla biblioteca comunale Adriano Olivetti e per l’archivio storico del Comune. La riapertura del Palazzo della Bonifica e l’inaugurazione del “Museo della Città”, saranno accompagnati da una mostra dedicata a Duilio Cambellotti dal titolo “Questo luogo incantato”

“L’esposizione scrive il curatore Vincenzo Scozzarella si riallaccia all’importante mostra del 1997, ‘Duilio Cambellotti e la Palude Pontina’  tenuta presso le Favisse del Capitolium, sviluppando i temi cari all’artista quali la Campagna romana, la Palude, Terracina e le terellane, la Redenzione dell’Agro e vuole condurre il visitatore in quella realtà intimamente percepita e magicamente rappresentata. Offre una lettura sulla versatilità dell’artista che operò nel mondo della pittura, della scultura, della xilografia, e in quello delle arti decorative dove fu in grado di infondere nuova vita alla vetrata artistica, alla ceramica e all’illustrazione del libro. Come annotò Giuseppe Zucca nel 1921, Duilio fu ‘uno dei primissimi in Italia, se non il primo, a scendere giù dalle eccelse, vertiginose, ghiacciatissime vette dell’arte cosiddetta pura, per discorrere un po’ alla buona con noi poveretti uomini affamati e assetati d’arte applicata’. All’inizio degli anni Dieci Duilio Cambellotti prende in affitto l’ultimo piano della torre Frangipane a Terracina. Da lì lo sguardo corre dal Circeo ai Lepini e cattura immagini e visioni poi tradotte in dipinti, disegni, xilografie e sculture come il grande fregio in gesso (cm 133×363) dei Cavalli della Palude Pontina, concepito nel 1911, dove nonostante la ridotta altezza del rilievo, l’artista romano rende un’intensa idea del galoppo sfrenato con la molteplice progressione di piani e l’abile gioco di sovrapposizioni. La sua versione in bronzo “data in custodia” dalla Presidenza della Giunta Regionale del Lazio è esposta dal 1985 nella loggia del Palazzo Comunale di Terracina. Nel 1920 Duilio progetta il Monumento ai Caduti della Grande Guerra (1920), opera dalla forte valenza architettonica, che si impone nello spazio attraverso un accentuato verticalismo. Alto circa sei metri, in peperino, marmo e bronzo, viene fatto erigere in Piazza Garibaldi, dinanzi alla chiesa del Ss. mo Salvatore”.

L’apertura al pubblico del Palazzo che Papa Braschi (Pio VI), alla fine del 1700, volle destinare a sede della organizzazione tecnico-amministrativa preposta al disseccamento delle Paludi Pontine afferma il Commissario Ocello – è il risultato del notevole impegno, in primo luogo culturale, che il Comune di Terracina ha profuso, a partire dal 1986, quando l’edificio fu acquisito al patrimonio comunale e, dopo, dichiarato bene culturale inalienabile. Abbiamo ritenuto che un evento di tale rilievo, non solo per Terracina, dovesse essere sottolineato con una manifestazione culturale che possa essere annoverata come contributo dell’Amministrazione comunale al recupero della memoria e all’approfondimento della conoscenza dell’ambiente naturale e delle condizioni di vita nella Palude Pontina, oggetto della grandiosa opera di bonifica della fine del 1700 e della bonifica integrale degli anni venti e trenta dello scorso secolo. La mostra delle opere di Duilio Cambellotti che a detto territorio fanno prevalente riferimento vogliono essere un’occasione per stimolare a progettare e a costruire un futuro che, radicato in un passato la cui epopea vive ancora nel ricordo di quanti hanno operato nella bonifica degli anni venti e trenta dello scorso secolo, renda le persone più libere e consapevoli che il progresso si conquista e si sviluppa se ai condizionamenti della natura non si sostituiscono muri culturali e materiali. Il catalogo delle opere di Duilio Cambellotti esposte nello storico Palazzo della Bonificazione Pontina nella memorabile occasione di inizio di una fruizione pubblica dello stesso per finalità culturali, sia anche lo strumento per conoscere e approfondire il passato relativamente recente e per concorrere a costruire il futuro”.

statua

LE VOSTRE OPINIONI

commenti