Latina, a Crotone è in ballo il tuo destino

133

Vincere sarebbe il massimo, perdere sarebbe…una tragedia, sportivamente parlando. Allo “Scida” di Crotone il Latina non può e non deve interpretare il ruolo di vittima sacrificale. I calabresi vorranno festeggiare la serie A davanti al loro pubblico, ma i nerazzurri non possono permettersi di interpretare la parte di semplice sparring partner. La classifica da incubo impone l’obbligo di raccogliere punti, nella speranza che gli stimoli e la “fame” possano compensare il divario tecnico inevitabile al cospetto della prima della classe.

 

GAUTIERI CI SARA’, MARIGA E’ GIA’ UN EX?

 

Parzialmente accorso il ricorso contro le maxisqualifiche inflitte a mister Gautieri e a Macdonald Mariga alla luce del discutibile referto presentato da discutibilissimo signor Pezzuto di Lecce. Al tecnico è stata tolta una giornata di squalifica e quindi potrà regolarmente accomodarsi in panchina. Al mediano è stata ridotta da cinque a quattro turni la maxisanzione decisa dopo i fatti di Latina Entella. Questo vuol dire che all’ex interista restano tre giornate da scontare. Il suo campionato è finito, così come la sua parentesi in nerazzurro. A meno che…
PAPONI ANCORA TITOLARE, BROSCO CI SARA’

Prima di partire per la Calabria mister Gautieri ha lasciato intendere che ci sarà una maglia da titolare per entrambi i  protagonisti in positivo del match con lo Spezia, Paponi e Brosco. A fare posto all’attaccante saranno Corvia e Boakye, a liberare una postazione nel cuore delle retrovie sarà invece uno tra Dellafiore ed Esposito: la logica farebbe pensare al primo, visto che è tra i giocatori più utilizzati finora e visto che è anche a rischio squalifica. Per il resto Mbaye e Bandinelli sostituiranno gli squalificati Olivera e Mariga mentre Acosty partirà dalla panchina al pari del convalescente Boakye.

 

PITAGORICI SENZA CLAITON

Mister Juric non potrà contare sullo squalificato Claiton e sugli infortunati Martella, Nicoletti, Paro e Zampano. In compenso ci saranno regolarmente i grandi protagonisti Budimir, Ricci, Palladino, Di Roberto, Stoian e Cordaz. Tutti elementi destinati ad una meritata vetrina nella massima categoria, tutti artefici di una promozione che ha del miracoloso.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti