Sovrani, spettro infiltrazioni: a Latina la mafia fa accordi

172

“A Latina la mafia non spara. Prende accordi con il mondo affaristico. Acquista le persone, i voti, i palazzi”. Marilena Sovrani, candidata a sindaco di Latina, cita alcuni dati significativi per tornare a parlare del bisogni di sicurezza che la cittadinanza avverte da tempo  e alle insidie delle infiltrazioni malavitoso nel tessuto locale. “La flessione dei reati riconducibili alle azioni della microcriminalità (197 rapine rispetto alle 214 dell’anno prima, 11.182 furti contro gli 11.919 precedenti) non evochi entusiasmi facili – sostiene l’ex assessore alla pubblica istruzione -.  I sistemi mafiosi si sono adeguati ai tempi. Le sparatorie, gli attentati incendiari, le esecuzioni, tanto frequenti negli primi anni Novanta a Latina, oggi provocano troppo rumore. La cosiddetta “quinta mafia”, quella che si nutre di business più che di pistole, è silente e rende di più. L’audizione del prefetto di Latina Pierluigi Faloni, ascoltato dalla commissione parlamentare antimafia, conferma il dato e riporta a galla una realtà conclamata sulla quale s’impone una presa di coscienza corale. L’infiltrazione mafiosa legata alle connessioni tra Ndrangheta, Camorra, Sacra Corona Unita e mondo degli affari si è radicata nel territorio pontino ormai in maniera salda. La provincia in cui viviamo è stata oggetto di evidenti suddivisioni geografiche ed economiche. Suddivisioni che equivalgono a spartizioni di potere. Gli ambiti economici legati alle costruzioni, agli appalti, al commercio all’ingrosso, alle attività turistico-balneari, persino alle pompe funebri risultano seriamente lambiti da interessi mafiosi”. Secondo Sovrani è la politica, anche, che dovrebbe dare risposte. “Per esempio – dice – sul numero delle attività commerciali aperte e chiuse nel giro di pochi mesi nel capoluogo pontino, ai cognomi noti nel mondo camorristico napoletano che hanno avviano fiorenti attività edilizie in città, alla comparsa di personaggi usciti dal cappello di un prestigiatore, gente con capitali di origine ignota che nel giro di pochi anni ha acquisito un potere all’interno della società locale. La “nuova” mafia ha bisogno dei politici, si nutre di essi e li nutre, in qualche caso li partorisce. Quando Latina Bene Comune tenta l’azione innovativa parlando di trasparenza (un termine preso in prestito dagli outsider di tutti i tempi) da inseguire come impegno verso gli elettori, io non penso ad azioni amministrative di cui rendere edotti i cittadini. Io – conclude Marilena Sovrani . penso alla parte sana della politica che deve agire senza indugi verso quella malata. Il cittadino non vuole essere informato. Il cittadino preferisce non essere fregato, dai politici”.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti