Macerie di un Palazzo della Cultura. Pernarella: “Anni di barbarie”

228

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Questo è lo stato in cui versa il Palazzo della Cultura di Latina”. Sono coltellate al cuore le immagini pubblicate in un post sulla sua pagina Facebook da Clemente Pernarella, attore e regista teatrale, nome tra i più conosciuti ed apprezzati nel panorama culturale pontino. Riguardano angoli meno conosciuti del palazzo della cultura ma che una volta rappresentavano parte di quello che era un vero e proprio vanto: una casa per le produzioni teatrali che annoverava, insieme alle due sale maggiori, anche il teatro ragazzi.

Clemente Pernarella
Clemente Pernarella

“E’ ciò che rimane del Teatrino Dei Mille – scrive Pernarella -, bellissimo spazio laboratorio, sala da circa cento posti aperta e attiva fino al 2011 e del Foyer del Teatro Cafaro, teatro ridotto da 350 posti. Questi due spazi sono chiusi, come la sala grande del Teatro D’Annunzio, sala da 750 posti. Il teatrino è in totale abbandono, allagato per tre stagioni consecutive e lasciato a marcire, l’intonaco del soffitto del ridotto cade perché le infiltrazioni d’acqua dal tetto sono state trascurate per quattro anni. Il D’Annunzio segue la sorte dei primi due. A chi dobbiamo dire grazie? Ridurre un luogo di arte, cultura e studio in questo modo non è frutto solo di incompetenza ma di barbarie e grettezza”

LE VOSTRE OPINIONI

commenti