Latina, alternanza scuola lavoro: le opere degli studenti dell’Artistico in mostra al Museo della Terra Pontina

511

Saranno presentati giovedì 19 maggio, nel corso della conferenza stampa, in programma per le 11, presso il Museo della Terra Pontina in piazza del Quadrato a Latina, i lavori realizzati dagli studenti del Liceo Artistico nell’ambito del progetto di alternanza scuola lavoro. L’appuntamento che si svolgerà alla presenza delle autorità e dei rappresentanti dell’Aereonautica che presenteranno l’esposizione di Piazza del Popolo dei giorni 26, 27 e 28 maggio, vedrà anche la consegna degli attestati di frequenza agli studenti degli indirizzi di “Architettura e ambiente”, “Grafica”, “Design” e “Scenografia”, per i lavori realizzati sul tema: il territorio, le opere e le personalità artistiche che hanno caratterizzato la sua storia.

“Grafica”

Gli studenti dell’indirizzo di “Grafica” esporranno studi e rielaborazioni grafiche dei manifesti degli anni trenta finalizzati alla produzione della locandina per una mostra delle opere di Duilio Cambellotti attinenti ai temi della bonifica e della fondazione di nuove città. Saranno esposte anche alcune cartoline e locandine progettate e realizzate dagli alunni.

“Architettura e ambiente”

Gli alunni dell’indirizzo di “Architettura e ambiente” saranno i protagonisti di un modellino in scala che riproduce l’edificio sede del museo, opera dell’architetto Oriolo Frezzotti, oltre a ricostruzioni tridimensionali in autocad.

“Design”

Gli allievi del “Design” si sono cimentati nella ricostruzione di arredi dell’epoca e nella riproduzione, sia attraverso strumenti digitali, sia con modelli fisici, di interi ambienti dell’epoca di fondazione degli anni ’50, ad esempio del soggiorno della famiglia Porfiri conservato nel Museo.

“Scenografia”

Gli studenti dell’indirizzo di “Scenografia”, invece, esporranno   bozzetti pittorici che riproducono i costumi e gli ambienti dell’epoca di fondazione della città di Latina. Tutti questi lavori entreranno a far parte della collezione permanente del Museo.

La notte bianca dei Musei

Gli studenti del Liceo Artistico di Latina vestiranno anche il ruolo di giovani guide in occasione della notte bianca dei Musei, che si svolge anche a Latina sabato 21 e domenica 22 maggio, per illustrare il progetto e le tecniche di realizzazione dei lavori svolti. “La qualità delle opere ha spinto la Direzione del Museo a selezionarne alcune per l’esposizione che avrà luogo in una tensostruttura che sarà allestita in Piazza del Popolo dal 26 maggio – spiegano gli organizzatori dell’evento –  I ragazzi allestiranno personalmente le sale del Museo nel pomeriggio del 18 maggio accompagnati dai tutors che li hanno seguiti nel percorso di alternanza scuola lavoro. La professoressa Paola Parziale, coordinatrice del progetto e tutor per l’indirizzo di “Architettura e ambiente”, i professori Carlo Nati, Salvatore Rizzello (indirizzi “Architetura e ambiente” e “Design”), Simonetta Maria Alessandroni e Alessandra Giacobbi (indirizzo “Grafica”), Enzo Lisi e Luciana Arciuolo (indirizzo “Scenografia”) accompagneranno gli alunni anche negli eventi conclusivi della conferenza stampa del 19 maggio e nelle esposizioni dei giorni successivi.

“Agro pontino e sviluppo sostenibile”

Un altro importante progetto ha coinvolto il Liceo Artistico di Latina, ed in particolare gli alunni della classe VD, ad indirizzo “Architettura e ambiente”, che sulla base del titolo del progetto “La valorizzazione dell’agro pontino per uno sviluppo sostenibile”, hanno dato vita ad un vero e proprio cantiere in miniatura finalizzato alla ricostruzione in scala 1:20 della scuola del 1933 in Via dell’Uccellara a Latina, attualmente in stato di completo abbandono. Gli studenti, guidati dai docenti di “Discipline progettuali “ e di “Laboratorio di Architettura”, Paola Parziale e Giampiero De Simone, dopo aver studiato le tipologie edilizie dei casali dell’O.N.C, tipiche dell’epoca di fondazione della città, hanno affrontato il tema del recupero degli edifici scolastici contemporanei. Partendo dall’analisi dei capitolati d’appalto conservati presso l’archivio di stato e osservando alcune foto d’epoca, è stato possibile rilevare e produrre i disegni architettonici, attualmente irreperibili, della scuola di fondazione di Via dell’Uccellara. Questi elaborati prodotti con l’ausilio di software specifici hanno reso possibile la ricostruzione in scala ridotta dell’edificio espressione della nostra memoria storica. La struttura di copertura è stata ipotizzata in seguito a ragionamenti di ordine statico e riferendosi alle tecniche costruttive dell’epoca, in quanto il degrado in cui versa attualmente l’edificio lo rende inaccessibile. Anche in questo caso, gli elaborati prodotti dagli alunni e il modello della scuola saranno esposti presso il Museo della Terra Pontina nella mostra che sarà inaugurata il 19 maggio.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti