Sezze, continuano gli appuntamenti del Premio Di Rosa

237

Continua a Sezze la serie di iniziative che si inscrivono nella manifestazione nazionale dedicata a Luigi Di Rosa, il giovane ucciso il 28 maggio 1976 dopo il comizio del parlamentare del MSI Sandro Saccucci. Due i prossimi appuntamenti: sabato 21 maggio, alle ore 21.30 presso la sede dell’associazione culturale no-profit “Araba Fenice”, in via Diaz 25, si terrà un incontro dal titolo: “Sing out, la vita e le canzoni di Phil Ochs”. Attraverso i testi del cantautore americano, e della musica degli anni Sessanta e Settanta, si ricostruirà parte della storia politica e sociale italiana.
Il secondo evento è previsto per lunedì 23 maggio, alle ore 17.30. Sarà presentato il volume: “L’arma della riconciliazione. Il libro dell’incontro. Vittime e responsabili della lotta armata a confronto” e nell’occasione interverranno Agnese Moro, figlia dell’Onorevole Aldo, e Adriana Faranda, ex brigatista. Sarà presente anche Giovanni Ricci, figlio di Domenico Ricci, della scorta di Moro, e la giornalista di “Famiglia Cristiana” Annachiara Valle, che modererà il confronto.
La manifestazione anche quest’anno ha riscosso un enorme successo e ottenuto prestigiosi riconoscimenti: il Senato della Repubblica e la Presidenza del Consiglio dei Ministri hanno voluto conferire alla manifestazione le loro medaglie celebrativa. Il premio gode del patrocinio del Senato della Repubblica, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Regione Lazio, del Consiglio Regionale del Lazio e del Comune di Sezze. L’Università di Roma “Tor Vergata” e il suo Dipartimento di Scienze Storiche, Filosofico – sociali, dei Beni Culturali e del Territorio, oltre a patrocinare l’iniziativa, sono anche i suoi consulenti scientifici. La manifestazione si fregia, inoltre, della collaborazione con il Centro Studi di Storia Contemporanea “Luigi Di Rosa” e con “Misteri d’Italia” (www.misteriditalia.it) e ha la partnership mediatica di Lazio Tv. Le iniziative, avviatesi lo scorso lunedì 9 maggio presso la Camera dei Deputati, si protrarranno fino alla serata finale di sabato 28 maggio, quando saranno premiati i vincitori del concorso, il cui scopo è quello di approfondire la ricerca storica nell’arco temporale che va dal 1968 al 1980, con particolare attenzione ai cambiamenti sociali e culturali, ai movimenti politici, ai fenomeni eversivi e terroristici che hanno segnato la storia della Repubblica italiana e quindi ricordare tutte le vittime degli “anni di piombo”. Il 28, in occasione del quarantesimo anniversario dalla morte di Di Rosa, un corteo di autorità commemorerà il giovane setino e deporrà una corona di fiori al monumento a lui dedicato. Presidente onorario del Premio è la sorella di Luigi, Mariella Di Rosa.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti