Reati ambientali, a Terracina un incontro con l’esperto. L’iniziativa del Pd per lo sviluppo sostenibile

312
Patrizia Renzelli

La salvaguardia ambientale al centro del programma della coalizione che sostiene Alessandro Di Tommaso candidato sindaco di Terracina: è in programma per domani, 28 maggio, alle 11, presso il punto informativo di via San Francesco Nuovo (angolo piazza della Repubblica) un incontro organizzato con l’avvocato Paola Proietti (dottore di Ricerca in Diritto Penale dell’Università di Tor Vergata) che illustrerà le recenti novità legislative nell’ambito del diritto penale ambientale; analizzerà in particolare la Legge 68 del 22 maggio 2015 che introduce il Titolo VI bis nel Codice Penale contenente la disciplina dei reati contro l’ambiente. Il legislatore ha coniato 5 nuove fattispecie, tra le quali i delitti di inquinamento e di disastro ambientale, di omessa bonifica, di traffico e abbandono di materiale ad alta radioattività.

“Una città che funziona – afferma Patrizia Renzelli, candidata alla carica di consigliere comunale nella lista del Partito democratico – è una città in cui l’amministrazione garantisce standard elevati di qualità ed efficienza nell’erogazione dei servizi pubblici locali: mobilità sostenibile, raccolta e riciclo dei rifiuti, spazi verdi, acque pulite. Incastonata tra il Parco del Circeo, il Parco Regionale dei Monti Ausoni, il lago di Fondi ed il mar Tirreno, Terracina è una città naturalmente vocata alla tutela delle proprie risorse paesaggistiche e naturali. Trattare il tema dell’ambiente diviene quindi un’assoluta priorità”.

Renzelli spiega che “vivere il territorio in equilibrio con l’ambiente circostante, non significa solo conservarlo, ma calarlo in un modello di sviluppo moderno in cui, al consumo del territorio, si contrapponga uno sviluppo che si avvalga di regole certe, fondato sul rispetto del suolo e sulla preservazione delle risorse”.

“Una politica siffatta – precisa la candidata alla carica di consigliere – necessita in primo luogo di un articolato programma di educazione al rispetto dell’ambiente e delle sue risorse volto a tutti i cittadini ed in particolare ai cittadini in formazione, e, in secondo luogo, ma strettamente connesso a quanto detto, necessita del coinvolgimento della comunità locale organizzata nei processi decisionali. La politica di Alessandro e della coalizione che lo sostiene, afferma la necessità di un Piano di Prevenzione Ambientale, di Difesa del Suolo e della Sicurezza Idrogeologica, di Cura ed Osservazione del Ciclo delle acque e di quello dei Rifiuti. In questa area tematica si colloca l’iniziativa di sabato alla quale tutti i cittadini sono invitati a partecipare, perché rappresenta un altro importante tassello utile alla costruzione di una città migliore”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti