Latina, la storia siamo noi: lo spettacolo degli alunni della media da Vinci-Rodari

313

Hanno chiuso l’anno scolastico con lo spettacolo “La Storia siamo noi, memorie di ieri e di oggi”, gli alunni della terza media della da Vinci-Rodari di Latina. Un percorso civico, spiegano gli organizzatori dell’evento, che ha permesso ai ragazzi, sotto la guida delle insegnanti Patrizia Ferdinandi, Rosalia Riccardi e Alessandra Stuto, di raccontare la storia e la sua importanza per la formazione della legalità e della democrazia attraverso uno spettacolo. Un’esperienza speciale per i ragazzi, che a breve affronteranno il primo esame vero della loro vita, che hanno guardato con occhi diversi ad una storia di vita lontana dal quotidiano ma sentita come propria attraverso la rappresentazione scenica, con tutta la passione e l’emozione tipica della loro giovane età, ricevendo gli applausi dei genitori e dei nonni che hanno partecipato all’evento.

Le canzoni e i personaggi

Un vero e proprio tuffo nella storia contemporanea dell’Italia: attraverso il racconto degli episodi salienti dei decenni successivi alla seconda guerra mondiale, gli studenti hanno portato gli spettatori a ripercorrere le tappe principali della storia del nostro paese. Sul palcoscenico del teatro interno della scuola, gli alunni hanno colorato il loro racconto con le canzoni di tanti noti artisti e rievocato i personaggi più importanti della storia della nostra repubblica.

Un patrimonio da difendere

“Il lavoro nasce dall’esigenza di coniugare la ricerca storica con la ricerca didattica, con l’obiettivo principale di far comprendere che la Storia siamo noi, e indurre pertanto ad una riflessione sui temi della pace e della guerra, della tolleranza e della legalità – hanno affermato i docenti della “da Vinci – Rodari –  Le interviste fatte dai ragazzi e dalle ragazze ci restituiscono un patrimonio di esperienze, racconti di vita, emozioni che altrimenti andrebbe perduto. E’ importante comprendere e ricordare poiché la formazione storica contribuisce a consolidare le basi e la pratica della democrazia”.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti