Latina, il tenore pontino Simone Di Giulio protagonista in Giappone con il Teatro di Spoleto

888

Il tenore di Latina Simone Di Giulio sarà tra i protagonisti della tournée in Giappone del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto, che si svolge dal 14 giugno al 4 luglio. La manifestazione porterà in scena il capolavoro di Giacomo Puccini La Bohéme, sarà presente nei più importanti teatri del Giappone, toccando 13 città per un totale di 14 rappresentazione, e vedrà come ospite il celebre soprano Carmela Remigio, sul podio il direttore Carlo Palleschi per la regia di Giorgio Bongiovanni.

 L’intervento del ministro Franceschini

 “Grazie all’impegno e alla dedizione di questo prestigioso teatro, i due paesi saranno vicini nel nome del bel canto, uniti dall’emozione che il linguaggio universale della musica è capace di produrre. Il Governo italiano intende favorire e sostenere il più possibile queste occasioni. Si tratta di momenti importanti che permettono di promuovere al massimo livello l’immagine dell’Italia nel contesto internazionale”. Lo afferma il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini nella lettera di saluto inviata al Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto in occasione del tour in Giappone che coinvolgerà l’Istituzione lirica umbra con tutto il personale artistico e tecnico. Saranno infatti 109 le persone del Teatro Lirico Sperimentale, tra direttore, regista, cantanti, solisti, orchestra, coro, staff tecnico e organizzativo, che martedì 14 giugno prenderanno il volo dall’aeroporto Leonardo da Vinci di Roma alla volta del Giappone. E a seguire la prima parte del tour ci sarà anche il Sindaco di Spoleto Fabrizio Cardarelli, in qualità oltre che di Primo Cittadino anche di Consigliere dell’Istituzione lirica umbra, che assisterà alle recite di Tsu e Nagoya.  Sul podio il direttore Carlo Palleschi, affermato interprete del repertorio pucciniano e verdiano e da anni direttore di riferimento dello Sperimentale con alle spalle una lunga esperienza in molti importanti teatri italiani e stranieri. La regia sarà quella di Giorgio Bongiovanni, anch’egli collaboratore dello Sperimentale e storico attore del Piccolo Teatro di Milano. L’allestimento scenico è quello storico del celebre Ercole Sormani, ripreso e restaurato dal suo allievo prediletto Marzio Cardaropoli con la collaborazione a Spoleto dello scenografo Andrea Stanisci.

Gli spettacoli

L’opera sarà rappresenta a Tsu (capitale della prefettura di Mie, dove si è recentemente svolto il vertice G7) al Mie Bunka Kaikan il 17 giugno, il 18 giugno all’Aichi Prefectural Art Theatre di Nagoya nell’ambito del 38mo International Music Festival di Nagoya, che oltre a La Bohème di Spoleto comprende l’esibizione di celebri formazioni artistiche quali l’Orchestra Filarmonica di S. Pietroburgo diretta da Yuri Tmirkanov, il Royal Ballet di Londra, l’Orchestra Nazionale di Lione diretta da Leonard Slatkin e la City of Birmingham Simphony Orchestra diretta da Kazuky Yamada.
Il 19 giugno andrà in scena La Bohème a Toyama presso l’Aubade Hall, il 21 giugno presso l’Acros Theatre di Fukuoka, il 22 giugno lo Sperimentale sarà ad Oita alla Iichiko Hall per poi debuttare a

il tenore Simone Di Giulio
il tenore Simone Di Giulio

Kobe il 24 giugno alla Kobe Bunka Hall. Il 25 giugno l’opera sarà rappresentata nell’imponente e rinnovata Festival Hall di Osaka, il 26 giugno presso la Shimin Bunka Hall di Chigasaki.
A Niigata l’opera andrà in scena al Prefectural Civic Theatre il 28 giugno, mentre il 29 giugno presso il teatro Act City ad Hamamatsu. Nell’area di Tokyo La Bohème sarà rappresentata a Fuchu il 30 giugno al No Mori Art Theatre, mentre a Nerima il 1 luglio. Il tour si concluderà infine a Tokyo, con due rappresentazioni nel celebre teatro immerso nel verde dello splendido parco di Ueno (dove si esibiscono tutte le più importanti compagnie e teatri, dal Teatro alla Scala ai Berliner Philharmoniker), il grande Tokyo Bunka Kaikan.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti