Latina, Calandrini sul sociale: “Una comunità ha l’obbligo di farsi carico di chi ha più bisogno”

377
Nicola Calandrini

Tra le priorità di Nicola Calandrini, candidato sindaco di Latina al ballottaggio di domenica 19 giugno, ci sono l’impegno nel campo del sociale e della solidarietà. L’intervento di oggi è dedicato ai senza tetto e alle famiglie che vivono in condizioni di disagio economico e sociale. Il pensiero di Calandrini corre verso “quegli alloggi di fortuna ricavati all’ingresso del vecchio mercato annonario che dovranno essere rimossi”. “Le persone che hanno trovato riparo su quei materassi sopra i freddi gradoni di via Don Morosini – afferma – andranno accompagnate in un luogo accogliente e assistite a dovere!”. Oltre a prevedere per tale argomento svariate soluzioni nel suo programma elettorale, il candidato sindaco ha annunciato ulteriori iniziative che vanno al di là del problema contingente riguardante gli sfortunati clochard accampanti davanti all’annonario: “Una comunità ha l’obbligo di farsi carico di chi ha più bisogno compiendo ogni azione possibile pur di aiutare chi vive situazioni di disagio o di difficoltà. Abbiamo sempre insistito sulla necessità di coinvolgere le associazioni sia nelle fasi decisionali che operative, anche perché sono le associazioni di volontariato che spesso sopperiscono alle carenze degli enti preposti, con generosità e abnegazione, senza chiedere niente in cambio. Ora però dobbiamo essere chiari su un punto: l’amministrazione non può restare a guardare. Per questo ho deciso che tra le prime cose da affrontare se sarò eletto sindaco ci sarà il potenziamento del settore dei Servizi Sociali del Comune, probabilmente sottodimensionato allo stato attuale, considerando l’emergenza economica e sociale che stiamo vivendo.  Sarà inoltre fondamentale reperire le risorse, senza se e senza ma, per finanziare i progetti più validi pensati a favore dei minori, della terza età, della disabilità e di chi, più in generale, vive dei momenti di difficoltà”.

Calandrini si è rivolto alle famiglie che non riescono ad arrivare alla fine del mese, a quelle con più figli, alle madri single, alle donne vittime di violenza ed anche alla sempre più attuale situazione dei papà separati che hanno il diritto di vivere i propri figli con dignità e serenità: “Mi adopererò affinché nel più breve tempo possibile siano aperte ulteriori strutture e che soprattutto siano attivate quelle ultimate per ospitare, supportare e consigliare tutte queste persone”.

Il candidato sindaco del centrodestra s’impegna nella solidarietà concreta e costante: “Dovremo andare al di là dell’intervento assistenziale episodico, legato all’emergenza del momento. Sarà d’obbligo lavorare per una rete integrata di politiche sociali che contribuirà a restituire solidità e forza al nostro territorio, alla nostra comunità. Questo è il mio impegno!”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti