Kitesurfing e navigazione fuori legge, multe a Fondi, Gaeta e Sperlonga

301

Prosegue senza sosta l’attività del dispositivo della Guardia Costiera di Gaeta finalizzato a vigilare sulla sicurezza in mare e sulle spiagge in favore di quei diportisti e bagnanti che ormai numerosi affollano il litorale del sud pontino.

L’azione degli equipaggi delle motovedette e dei militari delle pattuglie di terra della Guardia Costiera, iniziata sin dalle prime ore del mattino e protrattasi fino all’orario di chiusura delle strutture balneari, ha consentito di portare a termine un fine settimana denso di controlli e di vigilanza lungo la costa, senza registrare incidenti in mare.

Oltre 200 le miglia percorse dai mezzi navali della Guardia Costiera di Gaeta, che hanno consentito di verificare il rispetto delle regole di sicurezza in mare, potendo, così, anche sanzionare alcune condotte vietate e che avrebbero potuto creare situazioni di pericolo.

A Gaeta, sono state cinque le unità da diporto sorprese dalla motovedetta della Guardia Costiera di Gaeta entro la fascia dei 200 metri riservata alla balneazione. Un’altra unità, invece è stata colta a ridosso del litorale di Sperlonga in violazione dei limiti di navigazione dalla costa. Dopo aver sgomberato l’area restituendola ai bagnanti, sono scattate per i sei diportisti sanzioni per un valore complessivo di oltre seimila euro.

Anche la costa di Fondi ha visto la presenza dei militari della Guardia Costiera di Gaeta per garantire sicurezza e legalità in mare.

Infatti, lungo il litorale fondano, meta preferita di tanti praticanti il Kitesurf, la motovedetta congiuntamente con il personale di terra della Guardia Costiera sono intervenuti per bloccare e sanzionare due kitesurf intenti nelle loro evoluzioni all’interno della fascia riservata alla balneazione, incuranti dei pericoli per i numerosi bagnanti presenti. Oltre due mila euro le sanzioni per i due sportivi trasgressori.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti