Latina, Variante Malvaso: il Comune pronto a costituirsi parte civile

302
Il cantiere Malvaso sequestrato a gennaio 2015

La giunta del neo sindaco di Latina Damiano Coletta, nel corso di una riunione informale, ha espresso la volontà che il Comune si costituisca parte civile nei procedimenti penali che coinvolgano amministratori o dipendenti dell’ente. Un principio generale che l’esecutivo di Coletta intente applicare a partire dal caso eclatante del Ppe di Borgo Piave, ovvero della Variante Malvaso, all’esito dell’udienza preliminare fissata per il 20 luglio prossimo nel caso siano rinviati a giudizio gli indagati.

“Tale indirizzo – si legge in una nota stampa dell’amministrazione comunale -, che evidentemente caratterizzerà a parità di condizioni il futuro orientamento della Giunta, vuole esprimere l’intento di mantenere una posizione interlocutoria in una fase che vede ancora la necessità di verificare la fondatezza dell’azione penale e che quindi, tra gli esiti possibili, prevede la pronuncia di non luogo a procedere. Si ritiene, infatti, che detto orientamento sia coerente con i principi di legalità e trasparenza ai quali è ispirato l’operato della Giunta e che, proprio nell’ambito di questa impostazione, tuteli tanto l’Ente quanto le persone coinvolte”.

20160707_101333

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti