Bassiano, Antonio Scarsella presenta il libro “Giallo nella Palude Redenta”

232

Presso la biblioteca comunale di Bassiano, sabato, 23 luglio, alle 18, Antonio Scarsella presenta la sua brillante opera d’esordio pubblicata da Atlantide Editore e introdotta da Floriana Giancotti, che tanta curiosità sta suscitando. All’evento partecipano insieme all’autore il Sindaco di Bassiano Domenico Guidi, l’editore e saggista Dario Petti e il giornalista e scrittore Mauro Nasi che modererà l’incontro.

Al termine dell’evento, organizzato dal Comune di Bassiano, dalla Atlantide editore e dall’associazione Antiche Terre dei Caetani, si potrà degustare il vino della cantina La Valle dell’Usignolo.

Il libro

Con “Giallo nella Palude Redenta. Agnelli, lupi e figli delle tenebre nella Latina dei primi anni Cinquanta”, Antonio Scarsella, per oltre dieci anni sindaco di Sermoneta e per sei presidente del Consorzio per lo Sviluppo Industriale Roma-Latina, rivela una passione e un talento per la scrittura e in particolare per il genere giallo italiano. Il libro immerge sin dalle prime battute il lettore in una complessa vicenda che, partendo dal ritrovamento di un cadavere lungo un canale di Tre Ponti, vedrà il giovane maresciallo dei carabinieri Duilio Spolon impegnato a dipanare un’intricata matassa nella Latina-ex Littoria degli anni Cinquanta, quando la questione contadina era ancora uno dei problemi più importanti della vicenda nazionale, mentre internamente era alta la conflittualità tra coloni assegnatari dei poderi dell’Onc e i contadini della collina lepina che si erano sentiti espropriati delle terre della pianura e ne rivendicavano il possesso.

La questione si complica politicamente perché i coloni veneti assegnatari dei poderi votavano in massa per la Democrazia Cristiana, mentre i contadini poveri dei Lepini erano legati al Partito Comunista e al Partito Socialista, insomma i “bianchi” contro i “rossi”. Si aggiungono le pressioni della stampa locale e quelle dei superiori che spingono verso una celere e indirizzata soluzione a cui le analisi e l’istinto del maresciallo non sottostanno. Il viaggio attraverso i luoghi e le persone per interrogare familiari e conoscenti delle vittime rivela infatti un sistema di sottopotere che imbriglia la vita dei poveri coloni.

Il rapporto tra pianura e collina è il filo rosso che tiene insieme i ragionamenti, suggerisce piste di ricerca per le indagini. Il territorio è costantemente presente nel racconto, non semplice sfondo o teatro dell’azione ma colui che contiene i segni che spiegano la storia degli uomini.

Al centro c’è sempre la terra. L’atavico desiderio di diventarne proprietari, i sacrifici, le promesse, il riscatto, l’indebitamento, le speculazioni sul loro bisogno. E poi l’opportunismo che non conosce cambiamento di regime. Un romanzo che nasce come un giallo ma diventa occasione per un’approfondita analisi sulla storia locale e sulle eterne caratteristiche del potere e dell’uomo in generale.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti