Priverno, risparmiati 150 mila euro di utenze comunali in un anno

193
Anna Maria Bilancia

Il sindaco di Priverno Anna Maria Bilancia ha reso noto il risparmio dell’ENte sulle utenze comunali il cui riordino è stato affidato lo scorso anno alla GataConsulting:
Carissime Concittadine e carissimi Concittadini,
sono davvero felice di comunicarvi che grazie ad un’oculata e proficua attività di monitoraggio realizzata dalla Società di servizi e consulenze “Gataconsulting” e dal Dipartimento 5 del Comune di Priverno, finalizzata alla razionalizzazione dei consumi telefonici, energetici ed idrici del Comune, abbiamo ottenuto già i primi eccellenti risultati.
L’attività di monitoraggio e razionalizzazione, avviata dal Commissario Polichetti e da noi ampliata a tutte le utenze, riguarda le strutture comunali, con particolare attenzione a quelle sportive, culturali e scolastiche, nonché alle fontane pubbliche distribuite sul vasto territorio comunale, ora dotate di rubinetti per evitare il dispendio di acqua che per ogni fontana era pari a 25/30 euro al giorno. Purtroppo abbiamo dovuto sostituire più di una volta alcuni rubinetti a causa di atti vandalici e furti che ci auguriamo non si ripetano più.
TELEFONIA
In seguito alla disattivazione di alcune utenze non più utilizzate ed al passaggio da un precedente gestore alla società Telecom Italia “Consip Telefonia Fissa 4” di tutte le utenze di telefonia fissa attive presso il Comune di Priverno, in meno di un anno, l’Amministrazione Comunale ha ottenuto una notevole riduzione della spesa, passando da un costo medio annuo di 51.600 euro ad una spesa non superiore a 29.000 euro, con un risparmio di oltre 22.500 euro l’anno.
Inoltre, in seguito alla disattivazione di numerose utenze di telefonia mobile e alla migrazione di tutte le rimanenti utenze al Piano Vodafone “Mepa Ricaricabile”, si è ridotta la spesa di circa 7.000 euro, passando da un costo medio annuo di 13.500 euro ad un costo annuo di circa € 6.500 euro.
ACQUA
Dopo la riparazione di numerose perdite idriche, rilevate presso molte strutture comunali, e dopo l’apposizione di rubinetti e pulsantiere alle fontane pubbliche, si è subito registrata una riduzione sensibile degli eccessivi consumi idrici riscontrati sia dalle fatturazioni emesse dal gestore che dalle verifiche eseguite sui misuratori installati presso le diverse utenze. La riduzione dei consumi ottenuta, anche grazie all’attività manutentiva operata dal settore tecnico del Comune sulle utenze pubbliche, garantisce un abbattimento della spesa idrica su base annua di oltre 40.000 euro portando l’esborso per il servizio idrico da 120.000 a poco più di 80.000 euro l’anno.
ENERGIA ELETTRICA
Grazie all’imminente passaggio della fornitura di energia elettrica del Comune di Priverno dal Mercato di Salvaguardia molto più costoso di altre fasce di mercato, al nuovo gestore Gala S.p.a., aggiudicataria della gara Consip “Energia Elettrica 13”, otterremo condizioni tariffarie molto più vantaggiose. Questo passaggio voluto fortemente dalla nostra Amministrazione, che si è impegnata ad operare per ricoprire i debiti verso il precedente fornitore per poter passare ad altro gestore, garantirà al Comune di Priverno una riduzione di spesa di oltre il 15%.
Così il consumo medio su base annua di circa 1 milione di kwh, quantificato fino ad oggi in una spesa annua di circa 240.000 euro, grazie a questa variazione tariffaria e alla cessazione/voltura di utenze che non sono di competenza comunale, si ridurrà a circa 200.000 euro con un risparmio annuo di ben 40.000 euro.
Inoltre, in seguito alle verifiche eseguite sulle utenze di energia elettrica intestate al Comune di Priverno, si è riscontrato che alcune di esse risultavano al servizio di impianti di sollevamento idrico/fognario di competenza di Acqualatina per cui oltre alla loro voltura che farà risparmiare circa 19.000 euro l’anno, è stato richiesto al gestore dell’acqua, e ottenuto, il rimborso degli importi pagati ai fornitori di energia elettrica negli ultimi cinque anni pari a circa 40 mila euro.
GAS
La fornitura di Gas del Comune di Priverno, dal 1° giugno 2015, è passata al Fornitore di ultima istanza con un aggravio di costi a causa dei prezzi tariffari maggiorati. E’ intenzione di questa Amministrazione passare al più presto ad un altro operatore del mercato libero che offra tariffe di gran lunga più vantaggiose. Dalla previsione effettuata sappiamo che il passaggio ad un nuovo fornitore garantirà per il Comune di Priverno una riduzione di spesa di oltre il 10% che riferita ad un consumo medio annuo di circa novantamila mc., con una spesa quantificabile in circa 100.000 euro, è pari a 10.000 euro circa l’anno.
Se sommiamo l’insieme dei risparmi, registriamo una riduzione della spesa annua di circa 150.000 euro che nei prossimi cinque anni, con ulteriori economie, potrebbe superare il milione di euro di risparmio, denaro che potrà essere utilizzato per attività di sostegno e di sviluppo per la nostra comunità.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti