Cori, world folkloric festival: domenica la serata finale della kermesse

398

Domenica 7 Agosto, a partire dalle 21,15, presso il teatro all’aperto di Pozzo Dorico a Cori, prende il via serata che chiude il Latium world folkloric festival 2016.

L’appuntamento è preceduto dalla Santa messa animata dai gruppi internazionali, poi lo scambio dei doni con il Sindaco di Cori e l’attesa giornata dell’amicizia tra i popoli. Poco prima delle esibizioni l’Intercultura in festa e il dopo festival con la Gioventù del Mondo in Festa.

Sul palco prenderà vita la girandola finale del folklore internazionale con l’esibizione dei gruppi provenienti da Brasile, Georgia, India, Isole Marchesi, Polonia, Spagna, Sud Africa e Uruguay. Ancora una volta a fare gli onori di casa saranno la Compagnia Rinascimentale Tres Lusores e gli Sbandieratori Leone Rampante.

Il programma della giornata

La giornata di domenica prevede una serie di appuntamenti legati al festival del folklore che iniziano alle 10,30 con la celebrazione religiosa presso la chiesa di Santa Maria della Pietà, che sarà celebrata da don Gheorghe Lucaci e animata dalle compagnie internazionali, con musiche e canti religiosi da tutto il mondo. Dopo la liturgia, il tradizionale scambio dei doni con il Sindaco di Cori Tommaso Conti. A seguire la Giornata dell’Amicizia tra i Popoli: gli artisti verranno accolti in casa dalle famiglie di Cori e Giulianello, che offriranno loro non solo il pranzo, ma l’opportunità di condividere un momento di vita quotidiana con gli abitanti del territorio. Dalle ore 20, invece, per Intercultura in Festa, degustazioni gratuite a base di vini e prodotti tipici di eccellenza del territorio di Cori e artigianato tipico del mondo. Nel dopo festival Gioventù del Mondo in Festa presso il piazzale delle scuole elementari.

L’incontro tra le genti del mondo

“L’evento – spiegano gli organizzatori – è anche un modo per creare ulteriori occasioni d’incontro e dialogo fra le genti di tutto il mondo, educandole alla cultura della pace e della fratellanza, per mezzo del potere unificante del folklore. È stata come sempre un’edizione di elevatissima qualità, che ha visto esibirsi per 12 giorni 8 delle migliori rappresentative del folklore internazionale, provenienti da tutti i continenti, ed ospitate a Cori, cuore pulsante del festival e capitale lepina del folklore mondiale, dove si svolgono le giornate clou, le serate di gala e le iniziative collaterali. L’edizione di quest’anno, inoltre, ha ottenuto il prestigioso patrocinio del Giubileo della Misericordia, oltre al contributo di enti pubblici, istituzioni, fondazioni, associazioni e sponsor, ed è stata resa possibile grazie all’impegno, alla disponibilità e alla fatica di tanti giovani volontari, che hanno consentito la realizzazione del festival e degli altri appuntamenti che si sono susseguiti a partire dal 26 Luglio”.

Alcuni dei gruppi partecipanti al Festival

 Tra i gruppi artistici che hanno preso parte all’edizione 2016 del World Folkloric Festival ci sono: la Parata Mondiale del Folklore; la Serata Folklorica al Tempio d’Ercole; il Traditional Games Day; Scenaperta: Cala – Contemporary Actions Loose Aesthetics; lo stage – spettacolo ‘Ballo n’coppo o Tamburo: Tammurriata’ di Marilena Gragnaniello; il concerto di Mimmo Epifani ‘Mar da Lua’; la Conferenza ‘Pellegrini, ponte tra mondi diversi’ con Marco Aguiari e Chiara Lemma; la passeggiata ‘Mille Passi lungo la Via Francigena’; il Mondo a Tavola. Oltre a Cori e Giulianello, i gruppi si sono esibiti a: Anagni (FR); Bassiano (Lt); Città del Vaticano; Latina; Ninfa (LT); Paliano (FR); Pescorocchiano (Ri); Piglio (Fr); Roma; Segni (Rm); Sezze (Lt) e Valmontone (Rm).

LE VOSTRE OPINIONI

commenti