Calcio a 5 femminile di Serie A, due portoghesi per la Vis Fondi

247

Dopo una serie di conferme, qualche partenza, e l’arrivo del portiere Giulia Bonci, entra nel vivo la campagna acquisti della Vis Fondi che milita nella serie A di calcio a 5 femminile. Si tratta di due giocatrici portoghesi alla loro prima esperienza all’estero. La prima è Marcia Magalhães (sopra in foto): diciannovenne, ex Sporting Ribeirense dove ha militato per 4 anni, ed ex Coimbra. E’ stata spesso convocata nella rappresentativa del distretto di Coimbra. La scorsa stagione è stata campione regionale e finalista di Coppa Nazionale e Supercoppa. Finalista nella final four, ha partecipato alla Coppa Nazionale. Sempre la scorsa stagione è stata campione del distretto di Coimbra. L’altra atleta si chiama Rute Lavado di 21 anni. Ha iniziato a giocare a calcio all’età di 11. Nella stagione 2013/2014 era al Benfica, squadra con la quale ha vinto tutto: Setúbal Cup, Supercoppa, Championship Course Cup. Dal 2014 al Miratejo dove l’anno scorso ha vinto la Coppa Setúbal e quest’anno ha vinto la Supercoppa Nazionale. Un grande colpo questo fatto dalla società del presidente Giuseppe Cicalese, che lo scorso anno si è affacciata con umiltà nel non tenero capionato di Serie A, portando a casa una salvezza sicura e una mancata qualificazione per i Play off. Quest’anno, è evidente dai primi arrivi, la squadra rossoblu non vuole più essere una comparsa, ma avere un ruolo più esaltante. In tanto si è delineato il girone, che vede diverse squadre romane, un paio Campane e il resto tra Umbria e Sardegna. Le fondane, che verso la fine del mese inizieranno la preparazione agli ordini del mister Emilio Cibelli, sanno bene che le vacanze sono finite, ed ora si fa sul serio.

«Sono due atlete che abbiamo fortemente voluto – dichiara il Team Manger Ermanno Ferraro – , giovani ma con una cultura calcistica come poche. E nello stage dello scorso maggio non hanno deluso le aspettative. Personalità, imprevedibilità, capacità di adattamento alle più svariate situazioni di gioco sono le caratteristiche che abbiamo meglio apprezzato. La Magalhães è una universale, una che gioca sempre con la squadra ma che improvvisamente tira fuori dal cilindro quella giocata che può essere decisiva; la Lavado è un ultimo molto intelligente, quasi ‘vecchio stampo’, in grado di dettare tempi e impostare il gioco come poche. Insomma speriamo di aver dato a mister Cibelli gli elementi con le caratteristiche ideali per il suo gioco».

«Giocare nel campionato italiano – dichiara Rute Lavado – è un’occasione unica. Ancor più, in un club con una buona struttura organizzativa come quella della Vis Fondi. L’idea che mi sono fatta durante il nostro stage è che si viva come in una grande famiglia. Credo fortemente che questa sarà un’esperienza che mi insegnerà molto da ogni punto vista. Spero di aiutare il club a raggiungere il massimo degli obiettivi. Non vedo l’ora di iniziare a lavorare con la squadra e mettersi al servizio del mister con un unico traguardo: vincere »

«Mi è piaciuto il progetto perché è stato emozionante ed impegnativo già durante lo stage – dichiara Marcia Magalhães –. Si tratta di una esperienza fondamentale per me, che amo misurarmi con nuove sfide e nuovi obiettivi. Ho scelto la Vis Fondi perché sin dal primo incontro mi sono sentita subito come a casa. Sono stata accolta benissimo e questo mi ha ispirato fiducia per accettare la proposta. Spero di potere rendere al massimo, per aiutare le mie compagne a raggiungere grandi obiettivi».

Questo slideshow richiede JavaScript.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti