Intervista col creativo ! La fantasia e il grande cuore di Claudia

219

Prosegue questo nostro viaggio alla scoperta delle menti creative!

Voglio ringraziare tutti voi che mi seguite e lasciate un vostro commento: è importantissimo tutto questo per me , perché mi sprona a credere ancora nel progetto e a portarlo avanti sempre con lo stesso entusiasmo.

Nell’odierno appuntamento con “Intervista col creativo” conosceremo Claudia : una personalità fantasiosa e positiva  che farà prendere il volo alla nostra immaginazione .

D. La prima cosa che mi ha colpita del tuo profilo su google+ è il tuo sorriso : emani positività e solarità al primo sguardo . Quanto sono importanti atteggiamenti positivi ed allegria per sostenere la creatività di ciascuno di noi ?

Grazie per questa lettura. Per me positività e solarità sono molto importanti, anzi direi che sono motori della creatività.
Siamo circondati dal bello e dalla felicità in tutte le piccole cose: nell’azzurro del cielo, nel verde splendente delle montagne, nelle formichine instancabili e laboriose, nel vedere i miei bimbi che si abbracciano dopo un litigio o che giocano in una pozzanghera come fosse il più azzurro dei mari.
Cerco di vedere il bello e di carpire insegnamenti anche nelle cose più brutte… ho capito che è un comportamento che aiuta molto. Poi non nego che qualche giornata no e di “stammi lontano perché mordo” capita!!
13639729_10207742904543708_1573354409_o

D. Ci racconti un po’ di te e di come è cominciata la tua avventura da blogger creativa? 

Ho 33 anni, sposata e madre di tre piccole pesti. Abito in un paese del Trentino, immerso nel verde di una splendida vallata.
Sono cresciuta in una famiglia dove cucito, ricamo e maglia erano all’ordine del giorno. Imparare per me è stato automatico e appena ho potuto ho iniziato a frequentare corsi di cucito e ricamo e approfondire on line.
Ho iniziato così, cucendo e creando per me, poi per amici ed ora per le mamme che mi contattano.13035416_10207156628007161_417052934_o

D. ogni tuo post è un’esplosione di energia: che sia bello o brutto tempo hai sempre nuove idee da sperimentare .Quali sono le tue principali fonti di ispirazione?

Le mie fonti d’ispirazione sono le cose che mi fanno battere il cuore…la natura che mi circonda, le serie tv fantasy che adoro guardare, blogger e amici che seguo, e le mie piccole pesti…che ogni giorno mi stimolano e mi fanno vedere il mondo in modo diverso.13148057_10207274243227468_295277912_o

D. Quanto è l’importante  trasmettere ai bambini manualità e passione per le cose fatte a mano

Per me è un aspetto fondamentale.

Devi sapere che i miei bimbi spesso e volentieri hanno accessori e giochi unici ed inimitabili, fatti a mano che loro apprezzano molto.

Quando sono a casa che lavoro sono curiosi, allungano le mani per aiutarmi…è uno stimolo per manualità, per apprezzare le cose, per usare la fantasia e l’immaginazione.13589199_10207729916859024_1370631530_o-1

D. Il mondo visto con gli occhi di Claudia è :…..?

Il mio mondo è un mondo a colori, fili, nastri, stoffe e macchina da cucire…un mondo del colore dell’arcobaleno.13499548_10207617532969497_535732497_o

 

 

D. Il tuo colore preferito e perché ?

Ultimamente questa domanda mi è stata posta molte volte ed ogni volta mi mette in difficoltà, perché non ho un vero colore preferito… io adoro il colore.
Ma se dovessi selezionare, li riduco a tre: azzurro il colore del cielo e delle nuvole, mi rilassa… giallo, colore del sole e dei fiori di campo… rosa, il colore dell’allegria, che adoro indossare in tutte le sue sfumature.13570052_10207703565840265_929732130_o

 

Sei un infermiera : quanto ti sono di aiuto fantasia e creatività nel tuo (non semplice , ma splendido ) lavoro?

Direi che l’essere infermiera e l’essere creativa sono in simbiosi…l’una mi fa apprezzare la semplicità e le piccole cose, l’altra dà colore, ispira a cercare soluzioni anche dove sembrano non essercene.13128661_10207293573710718_1310097514_o

D. Cosa ne pensa tuo marito di questo tuo lato fantasioso ? Le qualità che deve avere il compagno di vita di una creativa indomita 

Mio marito ha un rapporto un po’ controverso…
ha capito che boicottare la creatività è un’arma a doppio taglio…sì, magari per casa non ci sarebbero stoffe e gomitoli in ogni dove, ma una bomba ad orologeria pronta ad esplodere!!!
Il male minore è stato lasciare libero sfogo alla creativa.
Mi sostiene e prova orgoglio nel vedere realizzati prodotti che poi la gente acquista.
Caratteristiche ideali? apertura mentale, non essere maniacale, ascoltatore.
Vivi e lascia vivere, il suo motto.13211033_10207372501083853_590567548_o

D. Descrivici la tua craft room 

Questa domanda mi fa sorridere e mi stimola a nuovi buoni propositi.
La mia craftroom è il mio soggiorno, il mio tavolo da lavoro è il tavolo dove mangiamo tutti insieme.
Ho un piccolo angolo in soggiorno dove ho inserito il mio angolo del cucito…è qui che la mia Valeria /la mia macchina da cucire) e la mia Marisotta ( la mia taglia e cuci) stazionano, circondate da fili e nastri colorati.
La sera sposto tutto in un angolino e il giorno dopo si ricomincia13262439_10207425744334901_1030624750_o

D. Oggi si scrive un blog per conservare e condividere la memoria delle nostre creazioni . Non pensi anche tu che questa sia solo la versione moderna degli antichi diari “strapazzati” che conservavano le nostre nonne pieni di segreti e consigli preziosissimi ?

Cara Clelia sono pienamente d’accordo con te…e purtroppo coi blog, facebook e i social è molto più difficile trasmettere tutte le sensazioni che si provano nello sfogliare uno di quei diari.
Io ho la fortuna di averne uno, quello della mia nonna.
Lo tengo come fosse una reliquia e adoro la scrittura (a volte incomprensibile), l’odore  e le emozioni che mi dà.
Sono una nostalgica e adoro scrivere ( anche se non sono molto brava), anzi mi definisco una scrivorroica…non riesco a stare senza taccuini, ne ho di ogni forma e genere.13639497_10207742914903967_1790421594_o

D. In America è usanza seppellire in uno scrigno dei ricordi di vita  da tramandare ai nostri posteri : se tu dovessi fare qualcosa di simile , cosa metteresti nello scrigno?  

Che bella questa domanda!!
Io ci metterei un ago, un uncinetto (il più storto e usato che ho), un piedino di Valeria, una foto della mia vallata, una lettera e un mio tacquino.13588778_10207742907863791_1584716165_o

Ecco, questa è Claudia. Un mix di emozioni serene.

Ma le sorprese non sono ancora finite: la nostra amica infatti ci ha regalato un bellissimo tutorial .

Ecco come realizzare un asciugamano personalizzato per l’asilo.

Materiale occorrente:
  • spugna di cotone
  • sbieco in tinta alto 2,5 cm
  • un pezzo di stoffa dove ricamare il nome
  • tela adesiva di rinforzo
  • ferro da stiro
  • forbici, spilli, metro da sarta
  • un bicchiere
  • una penna cancellabile per tessuti. 1-1
Prendi il pezzo di stoffa dove ricamare il nome e stiralo, poi appoggia sul rovescio della stoffa la tela adesiva di rinforzo e passa il ferro senza vapore cosicché le due parti si incolleranno. Ricorda di mettere la parte con la colla a contatto del tessuto da rinforzare.
2-13-14-15-16Ora prendi la penna cancellabile e segna sulla stoffa i contorni della scritta e simbolo da ricamare.
7-1
Passa ora alla macchina da cucire: faremo un ricamo a macchina a mano libera. Per prima cosa abbassa il trasporto della tua macchina da cucire (foto 8 trasporto su e foto 9 trasporto abbassato).
8
9
Togli il piedino alla macchina da cucire (foto 10). Inizia a ricamare (cucire) e nel contempo sposta la stoffa…è come se la macchina disegnasse e tu la devi guidare.
10
Ecco come risulta la scritta .
11
Io ti consiglio di ripassare sulla scritta almeno 3 volte avrai un’effetto di scrittura irregolare molto bello. A fine cucitura taglia i fili in eccesso e stira.
12
13
Ora fai una bordatura stirando sul rovescio un bordo di circa 1 cm per lato.
14
[se non puoi togliere il trasporto alla tua macchina da cucire, niente paura o ricami a mano con un punto scritto o puoi cucire con piedino normalmente passando 3 volte avendo cura di sfalsare i passaggi per dare un risultato irregolare alla cucitura].
A questo punto prendi la spugna (foto 15)15
io ho preso un pezzo di spugna di 40 cm x 50 cm, ma puoi prendere un asciugamano e tagliarlo, o scegliere le dimensioni che ti piacciono di più.
Prendi ora il bicchiere, posalo agli angoli e segna il contorno del bicchiere per arrotondare l’angolo (foto 16)…esegui questa operazione su 3 angoli e uno lo lasci a spigolo.
16
Posiziona il tessuto dove hai ricamato il nome (foto 17) ferma con gli spilli (foto18) [se sei più comoda puoi pure imbastire].
17 18
Passa alla macchina da cucire e con un bel punto a zigzag ed un filo a contrasto cuci tutto attorno all’applicazione (foto 19 e foto20).
19 20
Ora prendi lo sbieco (te ne servirà tanto quanto il perimetro dell’asciugamano più 10/11 cm per la fettuccia), partendo dall’angolo retto posizionalo (foto 21)
21
e cuci con un bel zig zag ampio che comprenda parte dello sbieco (superiore e inferiore) e parte della spugna
22
cuci per tutto il perimetro fino ad arrivare all’altro lato dell’angolo
23
A questo punto misura gli 11 cm per l’asola
24
 fai un zigzag fino in fondo, taglia il filo
25
Rigira lo sbieco cucito su se stesso a formare un occhiello
26
Ripassa con la macchina da cucire per fermare lo sbieco
27
Molti complimenti hai appena finito il tuo asciugamanino da asilo
28
Che bel tutorial dettagliato cara Claudia . E’ un’idea utilissima !
Io ringrazio ancora Claudia per essere stata con noi e tutti voi che mi leggete.
Vi lascio alla scoperta della nostra amica creativa.
Vi abbraccio e vi do appuntamento alla prossima intervista .
Seguitemi anche sul mio blog
a presto
Clelia

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti