Nuova mobilità, primo ok alla legge regionale per bici, mezzi elettrici e trasporto condiviso

201

“Con l’approvazione in Commissione regionale ambiente, lavori pubblici e mobilità della proposta di legge sulla nuova mobilità si fa un ulteriore passo avanti per supportare tutti i Comuni del Lazio nella realizzazione di opere e interventi mirati sulla mobilità ciclistica e il car sharing con l’obiettivo di ridurre l’uso dei mezzi di trasporto privati”.

Lo dichiara Enrico Forte, vicepresidente della VI Commissione e firmatario della proposta di legge il cui obiettivo è la realizzazione di reti e percorsi ciclabili per una migliore fruizione del territorio e lo sviluppo dell’utilizzo della bicicletta sia in ambito urbano che extraurbano.

“La bozza di legge – spiega Forte – che ora arriverà all’esame del Consiglio regionale punta a realizzare una rete, interconnessa e protetta, di itinerari ciclabili e ciclopedonali attraverso località di valore paesaggistico e ambientale oltre che percorsi urbani tramite la realizzazione di aree pedonali, zone a traffico limitato, connessione con il sistema esistente della mobilità collettiva quali stazioni ferroviarie, porti.  Un obiettivo che la Regione considera strategico per conseguire un target di mobilità di alto livello tanto da prevedere, per la promozione dell’iniziativa, azioni di comunicazione, educazione e formazione per promuovere l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano a cominciare dai tragitti casa-scuola e casa-lavoro. Il testo approvato in commissione – spiega il consigliere regionale del Partito Democratico – definisce la tipologia degli interventi da realizzare: sottopassi e sovrappassi ciclabili; infrastrutture per la sicurezza del traffico ciclistico; parcheggi attrezzati e centri di noleggio in corrispondenza di stazioni e strutture pubbliche; messa in opera di adeguata segnaletica; predisposizione di infrastrutture per l’interscambio tra biciclette e mezzi di trasporto pubblico; politiche di moderazione del traffico urbano e adeguate modifiche delle carreggiate stradali. La proposta ha anche valenza per il recupero di parti del territorio inutilizzate visto che prevede la riconversione in percorsi ciclabili di tratte ferroviarie dismesse, aree stradali in disuso, argini di fiumi, canali e laghi dismessi ma utilizzabili per muoversi su due ruote, ponti e altri manufatti non più in uso. Saranno autorizzati ad adottare iniziative per promuovere e attuare la mobilità su due ruote non soltanto i singoli Comuni ma anche le unioni di Comuni in forma associata, gli enti di gestione dei parchi anche in collaborazione con soggetti privati. Si punta inoltre a supportare progetti di car sharing, carpooling, utilizzo di mezzi elettrici per ridurre il traffico urbano e l’impatto ambientale.  Questa legge – conclude Forte – è lo strumento per attuare concretamente l’obiettivo di una migliore fruizione del territorio anche nel settore turistico e sportivo e per valorizzare aree che attualmente sono inutilizzate o in stato di degrado. Una chance per cambiare dare un volto  nuovo anche a Latina e agli altri Comuni della provincia pontina che, aderendo a questo progetto, potranno integrarsi con una più ampia rete regionale ciclabile”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti